Sentenza Sentenza n. 18164 del 15/09/2016

Cassazione civile sez. VI, 15/09/2016, (ud. 15/06/2016, dep. 15/09/2016), n.18164

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – rel. Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15320/2015 proposto da:

C.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE CARSO, 14,

presso lo studio dell’avvocato GIACOMO STRAFFI, rappresentata e

difesa dall’avvocato RICCARDO GILARDONI giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 6579/64/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di MILANO SEZIONE DISTACCATA di BRESCIA del 18/11/2014,

depositata l’11/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. GUIDO FEDERICO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, costituito il contraddittorio camerale sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c., osserva quanto segue:

C.C. ricorre nei confronti dell’Agenzia delle Entrate, con un solo motivo, per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia sez. stacc. Brescia, 6579/64/14, depositata l’11 dicembre 2014, che ha dichiarato, previa loro riunione, inammissibili gli atti di appello proposti dalla contribuente avverso la sentenza di primo grado.

La CTR, in particolare, ha affermato, per quanto qui ancora rileva, che i motivi di appello erano la mera riproposizione dei motivi di cui al ricorso di primo grado senza indicazione dei capi della sentenza censurati, in violazione del principio di specificità dei motivi di appello, di cui al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53.

L’Agenzia non ha resistito.

Con l’unico motivo di ricorso la contribuente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3), censurando la sentenza di secondo grado per aver ritenuto la carenza di specificità dei motivi degli atti di appello proposti avverso le sentenze impugnate, nonostante i motivi fossero conformi alla previsione dell’art. 53 legge cit..

Il motivo di impugnazione deve ritenersi fondato.

Premesso che la censura appare più appropriatamente riconducibile alla violazione dell’art. 360 c.p.c., n. 4), si osserva che secondo il consolidato indirizzo di questa Corte, nel processo tributario deve ritenersi la legittimità dell’atto di impugnazione allorquando la contribuente si limiti a ribadire in appello le ragioni di impugnazione del provvedimento impositivo, contrapponendole alle argomentazioni con le quali il giudice di primo grado ha ritenuto di rigettare l’atto introduttivo di quel grado del processo (Cass. ord. n. 1200/2016).

Non può dunque farsi derivare la mancanza di specificità dei motivi, dal solo fatto che il gravame sia consistito nella riproposizione delle ragioni già svolte in primo grado, senza verificare se esse costituissero censura adeguata di quella pronuncia.

Nel caso di specie, come risulta dagli atti integralmente riportati nel corpo del ricorso, gli atti di impugnazione contengono una censura sufficientemente precisa e determinata della pronuncia di primo grado, costituendo idonea contrapposizione alle argomentazioni con le quali quella sentenza ha ritenuto di rigettare il ricorso introduttivo della contribuente.

PQM

La Corte accoglie il ricorso.

Cassa la sentenza impugnata, con rinvio, anche per la liquidazione delle spese del presente giudizio, ad altra sezione della CTR della Lombardia.

Così deciso in Roma, il 15 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA