Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 918 del 01/12/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 918 Anno 2017
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: BASSI ALESSANDRA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
CHUMILLAS HERRANZ FIDEL N. IL 20/12/1971
avverso la sentenza n. 6155/2015 CORTE APPELLO di BOLOGNA,
del 29/01/2016
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ALESSANDRA BASSI;

Data Udienza: 01/12/2016

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Herranz Fidel Chumillas ricorre, a mezzo del proprio difensore, avverso la sentenza in
epigrafe, con la quale la Corte d’appello di Bologna ha confermato la decisione del Tribunale
del capoluogo emiliano in relazione ai reati di resistenza ufficiale e lesioni personali aggravate.
Il ricorrente eccepisce, col primo motivo, l’erronea applicazione di legge penale in relazione agli
artt. 337, 43 e 59 cod. pen. e 533 cod. proc. pen. e l’illogicità della motivazione in merito al

mancanza o contraddittorietà della motivazione in relazione alla denegata applicazione delle
‘circostanze attenuanti generiche.
2. Il ricorso è inammissibile.
2.1. Per un verso, il ricorrente rinnova i medesimi argomenti già dedotti in appello e non si
confronta con le puntuali risposte fornite al riguardo dalla Corte territoriale (Sez. 6, n. 20377
del 11/03/2009, Arnone e altri, Rv. 243838).
2.2. Per altro verso, propone doglianze non scrutinabili nella sede di legittimità in quanto tese
a sollecitare una rivisitazione delle valutazioni di merito (ex plurimis Sez. U, n. 47289 del
24/09/2003, Petrella, Rv. 226074), a fronte della linearità e della conformità a logica e diritto
delle sequenze motivazionali dell’impugnata decisione in merito alla ritenuta integrazione dei
reati di resistenza a pubblico ufficiale e di lesioni personali (v. pagine 2 e 3 della motivazione
della sentenza impugnata).
2.3. Infine, è insindacabile in questa Sede anche la valutazione compiuta in merito alla
insussistenza dei presupposti per le circostanze attenuanti generiche, correttamente
argomentata dalla Corte distrettuale alla luce del precedente penale per furto e dell’assenza di
elementi positivamente valutabili a favore del Chumillas, in perfetta aderenza al costante
‘insegnamento di questo Giudice di legittimità (ex plurimis

Sez. 3, n. 19639 del 27/01/2012,

Gallo e altri, Rv. 252900).
3. Dalla declaratoria di inammissibilità del ricorso consegue, a norma dell’art. 616 cod. proc.
pen., la condanna del ricorrente, oltre che al pagamento delle spese del procedimento, anche a
versare una somma, che si ritiene congruo determinare in 2.000,00 euro.

P.Q.M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e
della somma di euro 2.000 in favore della cassa delle ammende.

Così deciso il 1 dicembre 2016
Il consigliere estensore
Alessandra Bassi

Il Presidente
Giacomà Paoloni

giudizio di penale responsabilità; col secondo motivo, l’erronea applicazione di legge e la

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA