Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 737 del 24/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 737 Anno 2017
Presidente: CAMMINO MATILDE
Relatore: TUTINELLI VINCENZO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
MARINO DOMENICO nato il 27/03/1986 a PALERMO

avverso la sentenza del 26/11/2015 della CORTE APPELLO di GENOVA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere VINCENZO TUTINELLI;

Data Udienza: 24/10/2016

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO
La CORTE APPELLO di GENOVA, con sentenza in data 26/11/2015,
parzialmente riformando la sentenza pronunciata dal TRIBUNALE di GENOVA, in
data 03/02/2015, nei confronti di MARINO DOMENICO confermava la condanna
in relazione al reato di cui all’ art. 628 CP escludendo la recidiva
precedentemente applicata dal Tribunale di Genova e rideterminando la pena nei
limiti ritenuti di giustizia.
Propone ricorso per cassazione l’imputato, deducendo i seguenti motivi:

responsabilita’.
– violazione di legge e vizio di motivazione con riferimento al trattamento
sanzionatorio, in particolare alla mancata concessione dell’attenuante di cui
all’art. 62 n. 4 cod pen.
Entrambi i motivi sono inammissibili in quanto manifestamente infondati.
Il percorso argomentativo seguito dai giudici di merito appare conforme ai
criteri dettati da questa Corte e secondo cui le dichiarazioni della persona offesa
– cui non si applicano le regole dettate dall’art. 192, comma terzo, cod. proc.
pen. – possono essere legittimamente poste da sole a fondamento
dell’affermazione di penale responsabilità dell’imputato, previa verifica, più
penetrante e rigorosa rispetto a quella cui vengono sottoposte le dichiarazioni di
qualsiasi testimone e corredata da idonea motivazione, della credibilità
soggettiva del dichiarante e dell’attendibilità intrinseca del suo racconto (Sez. 2,
n. 43278 del 24/09/2015, Rv. 265104).
Per altro verso, il motivo di ricorso relativo all’omesso riconoscimento della
circostanza di cui all’art. 62 n. 4 cod pen risulta articolato essenzialmente in fatto
e derivante da una ricostruzione alternativa meramente riferita dall’imputato e
priva di riscontro alcuno nel fascicolo processuale.
Alla inammissibilità del ricorso consegue la condanna del ricorrente al
pagamento delle spese processuali, nonché, ai sensi dell’art. 616 c.p.p., valutati
i profili di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità emergenti dal
ricorso (Corte Cost. 13 giugno 2000, n. 186), al versamento della somma, che
ritiene equa, di euro duemila a favore della cassa delle ammende.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro duemila alla cassa delle ammende.
Così deciso il 24/10/2016

– violazione di legge e vizio di motivazione con riferimento alla ritenuta

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA