Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 720 del 25/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 720 Anno 2016
Presidente: BIANCHI LUISA
Relatore: PICCIALLI PATRIZIA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
SCALAS ANTONELLO N. IL 26/07/1979
avverso la sentenza n. 1062/2014 CORTE APPELLO di CAGLIARI,
del 16/02/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. PATRIZIA PICCIALLI;

Data Udienza: 25/11/2015

Fatto e diritto

SCALAS ANTONELLO ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe che, confermando
quella di primo grado, lo ha riconosciuto colpevole della violazione dell’articolo 73 del dpr
n. 309 del 1990, contestatagli per avere coltivato 24 piante di cannabis indica, in grado

Con il ricorso contesta il giudizio di responsabilità, evocando principalmente il tema della
offensività della condotta.

Il ricorso è manifestamente infondato, avendo la corte fatto corretta e motivata
applicazione dei principi vigenti in materia, così valorizzando la rilevanza penale della
condotta di coltivazione, anche a prescindere dalla destinazione della sostanza, e
soprattutto approfondendo il tema dell’offensività della condotta, ravvisata – in modo non
controvertibile- in ragione del numero notevolmente alto di dosi ricavabili dal prodotto
della coltivazione.

Ciò in linea con quanto affermato dalle Sezioni unite (sentenza 24 aprile 2008, Di Salvia,
nonché sentenza 24 aprile 2008, Valletta), secondo cui costituisce condotta penalmente
rilevante qualsiasi attività non autorizzata di coltivazione di piante dalle quali sono
estraibili sostanze stupefacenti, anche quando sia realizzata per la destinazione del
prodotto ad uso personale, essendo irrilevante ai fini della sussistenza del reato la
distinzione tra coltivazione tecnico-agraria e coltivazione domestica. Peraltro, spetta al
giudice di merito verificare se la condotta di coltivazione accertata sia in ipotesi
assolutamente inidonea a porre a repentaglio il bene giuridico protetto, dovendosi
considerare “inoffensiva”, perché appunto inidonea a ledere o a mettere in pericolo anche
in grado minimo il bene tutelato, la condotta se la sostanza ricavabile dalla coltivazione
non è idonea a produrre un effetto stupefacente in concreto rilevabile.

Accertamento sulla offensività qui effettuato in modo coerente ed ineccepibile.

Il ricorso, pertanto, non può essere accolto.

Alla inammissibilità del ricorso, riconducibile a colpa del ricorrente (Corte Cost., sent. 713 giugno 2000, n. 186), consegue la condanna del ricorrente medesimo al pagamento
delle spese processuali e di una somma, che congruamente si determina in mille euro, in
favore della cassa delle ammende.

di consentire di ricavarne oltre 1600 dosi singole.

f

P. Q. M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di euro 1000,00 in favore della cassa delle ammende.

Il Consigliere estensore

Così deciso in data 25 novembre 2015

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA