Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 690 del 24/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 7 Num. 690 Anno 2017
Presidente: CAMMINO MATILDE
Relatore: AIELLI LUCIA

5 PPRDINANZA1

sul ricorso proposto da:
PALLADINO ALFREDO N. IL 12/02/1979
avverso la sentenza n. 1167/2014 CORTE APPELLO di BOLOGNA,
del 09/01/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. LUCIA AIELLI;

Data Udienza: 24/10/2016

In fatto e in diritto

Palladino Alfredo ricorre avverso la sentenza della Corte di Appello di
Bologna del 9/1/2015 confermativa della sentenza del Tribunale di Piacenza del
7/10/2013 che lo aveva condannato per i reati di truffa e falso alla pena ritenuta
di giustizia, chiedendone l’annullamento ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. e)
cod. proc. pen.; deduce la mancanza e manifesta illogicità della motivazione con
riguardo alla affermazione di penale responsabilità dell’imputato in ordine ai reati

Il ricorso è parzialmente fondato avuto riguardo alla intervenuta
depenalizzazione del delitto di cui all’art. 485 cod. pen., ai sensi dell’art. 1 d.l.vo
n. 7 del 15/1/2016.
Quanto invece ai restanti motivi di ricorso, essi sono privi della specificità,
prescritta dall’art. 581, lett. c), in relazione all’art 591 lett. c) c.p.p.; al riguardo
questa Corte ha stabilito che <> (Sez. 1 n. 5044 del 22/4/1997, Pace, Rv. 207648 ; Sez. 2,
11951/2014,rv 259425).
Viceversa la sentenza impugnata risulta correttamente motivata quanto al delitto
di truffa commesso con violazione di un rapporto fiduciario e con usp di
documenti oggetto di illecita appropriazione, a nulla rilevando l’ eccezione di
intervenuta prescrizione ( Sez.Unite 12602/2015, rv.266818 ).

P.Q.M.

annulla senza rinvio la sentenza impugnata limitatamente al capo b), perché il
fatto non è previsto dalla legge come reato ed elimina la relativa pena in
continuazione . Dichiara inammissibile nel resto il ricorso e determina la pena per
i reati ( capi A e C) in mesi otto di reclusione ed euro 1.000,00 di multa.

Roma, 24 ottobre 2016

allo stesso ascritti.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA