Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 677 del 25/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 7 Num. 677 Anno 2016
Presidente: BIANCHI LUISA
Relatore: BLAIOTTA ROCCO MARCO

sul ricorso proposto da:
ARDUINI ALESSANDRO N. IL 10/01/1971
BUONOCORE ALESSIO N. IL 09/07/1980
avverso la sentenza n. 5160/2013 CORTE APPELLO di FIRENZE, del
03/03/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ROCCO MARCO
BLAIOTTA;

Data Udienza: 25/11/2015

35 Arduini e Buonocore

Motivi della decisione

Gli imputati in epigrafe ricorrono per cassazione avverso la sentenza della Corte
d’appello di Firenze in data 3 marzo 2014 recante l’affermazione di responsabilità in ordine al
reato di cui all’art. 73, comma 5, del d.P.R. n. 309 del 1990 afferente ad eroina; ed a quelli di

Il ricorso è manifestamente infondato. Infatti, contrariamente a quanto dedotto, la
pronunzia impugnata reca appropriata motivazione, basata su definite e significative acquisizioni
probatorie ed immune da vizi logico-giuridici: si considera l’entità della droga, la presenta del
tipo strumentario di tale genere di illecito nonché di appunti compromettenti. Inoltre il diniego
delle attenuanti generiche trova base nel negativo comportamento concretizzatosi nella violenta
opposizione agli agenti per sottrarsi al controllo. Si tratta di tipici, argomentati apprezzamenti in
fatto non sindacabili nella presente sede di legittimità.

La sentenza va tuttavia annullata per ciò che attiene al trattamento sanzionatorio.
Infatti, dopo la sentenza d’appello è intervenuta la legge 16 maggio 2014 n. 79 che ha reso
meno severo il trattamento sanzionatorio; e che trova applicazione officiosa ex art. 2, comma 4,
c.p.
Sotto tale riguardo la sentenza va dunque annullata con rinvio, ai fini della nuova
determinazione della pena.

PQM

Annulla la sentenza impugnata limitatamente al trattamento sanzionatorio e rinvia sul
punto alla Corte d’hppello di Firenze.
Rigetta nel resto.
Visto l’art. 624 c.p.p. dichiara l’irrevocabilità della sentenza in ordine all’affermazione di
responsabilità per i reati ascritti.

Roma 25 novembre 2015

IL CONSIGLIERE ESTENSORE
(Rocco Marco Blaiotta)
(,11A1,

e—

cui agli artt. 337 e 635 c.p., commessi il 5 marzo 2013.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA