Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 550 del 29/11/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 550 Anno 2018
Presidente: SAVANI PIERO
Relatore: SOCCI ANGELO MATTEO

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
TANASE NICOLAE nato il 09/04/1984
ASAN IONICA nato il 17/09/1984

avverso la sentenza del 07/03/2017 della CORTE APPELLO di REGGIO CALABRIA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ANGELO MATTEO SOCCI;

Data Udienza: 29/11/2017

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO
1. La Corte di appello di Reggio Calabria, con la decisione in
epigrafe i parziale riforma della decisione di primo grado rideterminava la
pena inflitta a Tanase Nicolae e Asan Ionica in mesi 10 e giorni 20 di
reclusione ed C 240,00 di multa, ciascuno, relativamente ai reati di cui

all’art. 291, ter, comma 1, T.U.L.D. (d.P.R. n. 43/1973) ; accertato il 18
marzo 2010.
2. Ricorrono per Cassazione, i due imputati, tramite difensore,
con un unico motivo di ricorso: inosservanza delle norme processuali
stabilite a pena di nullità, in relazione all’art. 178, lettera C, e 179, cod.
proc. pen. (omessa notifica al difensore di fiducia).
3. Il ricorso è inammissibile per la sua genericità; inoltre risulta
che il difensore ha proposto istanza di differimento orario dell’udienza, e
quindi era a conoscenza della citazione peraltro notificata ai suoi indirizzi
email, pec.
Si sostiene una omessa notifica al difensore di fiducia ma non si
indica quale indirizzo PEC è relativo alla sua attività, e né si specifica il
pregiudizio concreto: «E’ inammissibile, per genericità, il motivo di
ricorso per Cassazione che – lamentando la violazione di norme
processuali in relazione all’art. 601 cod. proc. pen., per l’omessa notifica
all’imputato del decreto di citazione a giudizio, a seguito del rinvio di
ufficio disposto a causa dell’adesione del difensore all’astensione di
categoria – ometta di precisare a quale decreto di citazione si riferisca la
doglianza, e di chiarire quali siano il profilo di vizio dedotto e la richiesta
difensiva» (Sez. 6, n. 17377 del 24/02/2016 – dep. 27/04/2016,
Trippetti, Rv. 26673601; vedi, anche, Sez. 2, n. 1668 del 09/09/2016 dep. 13/01/2017, Bardasu, Rv. 26878501).
Inoltre

l’atto

risulta

notificato

prof,giovanni.grasso(dpec.it;
[email protected]

agli

indirizzi

email:

agli art. 110, cod. pen. 2 291 ter, con l’esclusione dell’aggravante di cui

Il difensore in data 7 marzo 2017 ha chiesto il differimento
orario dell’udienza del 7 marzo 2017, senza eccepire altro; quindi la
notifica deve ritenersi valida.
Alla dichiarazione di inammissibilità consegue il pagamento in
favore della Cassa delle ammende della somma di C 3.000,00, e delle

P.Q.M.

Dichiara inammissibile i ricorsi e condanna i ricorrenti al
pagamento delle spese processuali e della somma di C 3.000,00 in favore
della Cassa delle ammende.
Così deciso il 29/11/2017
Il Consigliere estensore

Il Presidente

Angelo Matteo SOCCI

Piero SAV NI

spese del procedimento, ex art 616 cod. proc. pen.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA