Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 532 del 25/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 532 Anno 2014
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: AMORESANO SILVIO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
LUONGO LUIGI N. IL 31/12/1981
DONADEO RAFFAELE N. IL 02/01/1949
avverso la sentenza n. 6105/2013 TRIBUNALE di NAPOLI, del
23/04/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SILVIO AMORESANO;

Data Udienza: 25/10/2013

Ritenuto:
– che il Tribunale di Napoli con sentenza del 23/04/2013 ha applicato, ai sensi dell’art. 444 c.p.p., su
richiesta delle parti, la pena di anni uno, mesi due di reclusione ed C 325.000,00 di multa nei
confronti di Luongo Luigi e la pena di anni uno, mesi quattro di reclusione ed € 425.000,00 di multa
nei confronti di Donadeo Raffaele, imputati del reato di cui agli art. 110 c.p. e 291 bis del DPR n.
43/1973, loro ascritto per avere detenuto Kg. 125 di tabacco lavorato estero di contrabbando;

prevalenti sulle aggravanti nei confronti del Luongo ed equivalenti alle aggravanti nei confronti del
Donadeo;
– che il ricorso per cassazione proposto dagli imputati in punto di giudizio di comparazione delle
predette attenuanti generiche, peraltro già dichiarate prevalenti per il Luongo, risulta inammissibile
perché deve intendersi precluso il riesame in sede di legittimità di ogni questione relativa alla
misura della pena come concordata dalle parti, pur se correlata al riconoscimento e all’applicazione
di circostanze del reato, fatte salve le questioni relative all’applicabilità dell’art. 129 c.p.p. o
rilevabili in ogni stato e grado del giudizio, ovvero riguardanti invalidità afferenti la corretta
instaurazione del rito speciale;
– che va dichiarata l’inammissibilità del ricorso con le conseguenze di legge;
P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali,
nonché al versamento della somma di € 1.500,00 ciascuno alla cassa delle ammende.
Così deliberato in camera di consiglio il 25.10.2013.

– che il giudice di merito ha dichiarato le circostanze attenuanti generiche concesse agli imputati

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA