Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 51164 del 27/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 51164 Anno 2015
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: DE MARZO GIUSEPPE

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
LANZO GIOVANNI N. IL 30/10/1974
nei confronti di:
FERRARI WALTER N. IL 24/02/1947
avverso il provvedimento n. 6183/2012 CORTE APPELLO di
BOLOGNA, del 13/04/2015
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. GIUSEPPE DE MARZO;
lette/site le conclusioni del PG Dott. AA,k9 A,.:
r\,1-

Uditi di sor Avv.;

‘-`

Data Udienza: 27/11/2015

Ritenuto in fatto
1. Giovanni Lanzo, parte civile nel processo penale a carico di Walter Ferrari,
deciso dalla Corte d’appello di Bologna, con sentenza del 20/05/2014, propone
personalmente istanza di restituzione nel termine per proporre ricorso per
cassazione avverso tale decisione, lamentando la mancata notifica a sè e al suo
difensore degli avvisi relativi alla fissazione dell’udienza del 20/05/2014 davanti
alla Corte d’appello di Bologna.

Considerato in diritto

private diverse dall’imputato di avvalersi del ministero di un difensore munito di
procura speciale, per compiere gli atti processuali.
E proprio in questi termini va qualificata la richiesta di restituzione nel termine
ex art. 175 cod. proc. pen., per il fatto di essere indirizzata ad un organo
giurisdizionale e di essere destinata ad essere esaminata nel contesto del
procedimento camerale di cui all’art. 611 cod. proc. pen.
2. Alla pronuncia di inammissibilità consegue, ex art. 616 cod. proc. pen., la
condanna del richiedente al pagamento delle spese processuali, nonché al
versamento, in favore della Cassa delle ammende, di una somma che, in ragione
delle questioni dedotte, appare equo determinare in euro 1.000,00.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile la richiesta e condanna il richiedente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro 1.000,00 in favore della Cassa delle
Ammende
Così deciso in Roma il 27/11/2015
Il Componente estensore

Il Presidente

1. La richiesta è inammissibile poiché l’art. 100 cod. proc. pen. impone alle parti

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA