Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 50961 del 26/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 50961 Anno 2015
Presidente: ROTUNDO VINCENZO
Relatore: PETRUZZELLIS ANNA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
PEREZ MORALES ESTEBAN ALESSANDRO N. IL 21/02/1990
avverso la sentenza n. 3791/2014 CORTE APPELLO di MILANO, del
13/03/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ANNA
PETRUZZELLIS;

Data Udienza: 26/11/2015

P. Q. M.
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di E 1.000 (mille) in favore delle Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, all’udienza del 26 novembre 2015

Alvares Rojas Michel Sebastian alias Perez Morales Esteban Alessandro propone ricorso avverso
la sentenza del 13/03/2015 con la quale la Corte d’appello di Milano, ha confermato la sua
affermazione di responsabilità in relazione all’imputazione di cui all’art. 385 cod. pen.
Nel ricorso si deduce vizio di motivazione con riferimento alla mancata argomentazione sulla
decisione di esclusione delle attenuanti generiche.
Il ricorso risulta inammissibile perché proposto per motivi non consentiti all’atto in cui in questa
sede formula rilievi sulla valenza positiva di circostanze dell’azione che, secondo l’interessato
avrebbero consentito il riconoscimento delle attenuanti generiche, senza confrontarsi con quanto in
senso opposto evidenziato dal giudicante in merito alla pericolosità dell’interessato, emergente oltre
che dai suoi precedenti, dalla condotta tenuta
Tali deduzioni esauriscono l’onere argomentativo del giudicante, dimostrando l’individuazione di
elementi che con la loro portata negativa evidentemente superano la valenza opposta degli altri
indicatori (principio pacifico; da ultimo Sez. 3, Sentenza n. 28535 del 19/03/2014 imp, Lule, Rv.
259899); la circostanza impone di escludere quindi la presenza del vizio di motivazione lamentato.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA