Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 50957 del 26/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 50957 Anno 2015
Presidente: ROTUNDO VINCENZO
Relatore: PETRUZZELLIS ANNA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
BOTTA SALVATORE N. IL 09/05/1967
avverso la sentenza n. 2146/2015 TRIBUNALE di CATANIA, del
30/04/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ANNA
PETRUZZELLIS;

Data Udienza: 26/11/2015

P. Q. m.
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di € 1.500 (millecinquecento) in favore delle Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, all’udienza del 26 novembre 2015
Il P

e

La difesa di Botta Salvatore propone ricorso avverso la sentenza del 30/04/2015 con la quale il
Tribunale di Catania ha applicato la pena concordata tra le parti in relazione all’imputazione di cui
all’art.73 d.P.R. n. 309/1990.
Nel ricorso si contesta vizio di motivazione quanto all’esclusione dall’applicazione di formule di
proscioglimento in fatto e violazione di legge sulla determinazione della pena per la mancata
riduzione della pena, per effetto del rito ad di un terzo.
Il ricorso è inammissibile per genericità quanto al primo profilo, in quanto ignora il contenuto della
pronuncia che fa riferimento alla sorpresa in flagranza ed alle parziali ammissioni dell’interessato, e
non segnala elementi di segno opposto che avrebbero imposto un’argomentazione specifica su di
essi quanto all’esclusione dall’applicazione di formule di proscioglimento in fatto e manifestamente
infondata quanto al profilo sulla pena, che è stata applicata nella misura indicata dalle parti e risulta
priva della illegalità denunciata, in quanto l’art. 444 cod. proc. pen. individua la riduzione per il rito
in misura fino al terzo, e non impone la concessione della riduzione nella misura massima, cosicché
la sanzione determinata non può considerarsi illegale.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA