Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 50665 del 20/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 50665 Anno 2015
Presidente: SAVANI PIERO
Relatore: MICHELI PAOLO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
GUARINO GIUSEPPE N. IL 14/06/1983
avverso la sentenza n. 8980/2014 CORTE DI CASSAZIONE di ROMA,
del 06/11/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. PAOLO MICHELI;

Data Udienza: 20/11/2015

FATTO E DIRITTO
Giuseppe Guarino propone ricorso straordinario per errore di fatto, ex art. 625-bis
del codice di rito, nei confronti della sentenza emessa dalla Sezione Prima di questa Corte
in data 06/11/2014; ad avviso del ricorrente, la pronuncia avrebbe descritto in termini
non rispondenti alla realtà i presupposti dell’istanza che egli aveva inoltrato al Magistrato
di sorveglianza, successivamente impugnata dinanzi al giudice di legittimità.

caso di specie effettive ipotesi di errori percettivi, piuttosto che di giudizio – l’istituto di
cui al citato art. 625-bis può trovare applicazione esclusivamente nei casi di «pronunce di
condanna, dovendosi intendere con tale termine l’applicazione di una sanzione penale,
mentre non è esperibile allorché la decisione della Corte di Cassazione riguardi quei
provvedimenti adottati dai giudici di sorveglianza» (Cass., Sez. I, n. 32828 del
27/05/2014, Buonerba, Rv 261090).
Ai sensi dell’art. 616 cod. proc. pen., segue la condanna del ricorrente al pagamento
delle spese del procedimento, nonché – ravvisandosi profili di colpa nella determinazione della
causa di inammissibilità, in quanto riconducibile alla volontà del ricorrente medesimo (v. Corte
Cost., sent. n. 186 del 13/06/2000) – al versamento in favore della Cassa delle Ammende
della somma di C 2.000,00, così equitativarnente stabilita in ragione dei motivi dedotti.

P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso, e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e della somma di C 2.000,00 in favore della Cassa delle Ammende.

Così deciso il 20/11/2015.

Il ricorso è inammissibile, in quanto – a prescindere dalla possibilità di ravvisare nel

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA