Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 50644 del 20/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 7 Num. 50644 Anno 2015
Presidente: SAVANI PIERO
Relatore: SABEONE GERARDO

ORD NZA

ifrg

ZA

sul ricorso proposto da:
SILO MANUEL N. IL 27/07/1987
avverso la sentenza n. 792/2012 TRIBUNALE di TORINO, del
31/03/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. GERARDO SABEONE ;

Data Udienza: 20/11/2015

RITENUTO IN FATTO
1. Il Tribunale di Torino, con sentenza del 31 marzo 2014, ha confermato
la sentenza di primo grado che aveva condannato Silo Manuel per i delitti di
percosse, ingiurie e lesioni personali in danno di Caldarone Pina.
2. Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’imputato,

lesa che l’accettazione della stessa da parte dell’imputato.
CONSIDERATO IN DIRITTO
1. L’intervenuta remissione della proposta querela, con la conseguenziale
accettazione della stessa (v. verbali della Polizia Giudiziaria presso la Procura
della Repubblica di Torino del 10 e 14 giugno 2014) rendono annullabile senza
rinvio l’impugnata decisione, ai sensi dell’articolo 620, comma 1 lettera a)
cod . proc. pen..
2. Tali atti, invero, risultano compiuti nel rispetto delle norme di cui agli
articoli 152 e 155 cod.pen. e 340 cod.proc.pen. e determinano, essendo i reati
ascritti punibili a querela della persona offesa (percosse, ingiurie e lesioni
personali), l’estinzione dei reati stessi.
3. Le spese del procedimento, infine, ai sensi dell’articolo 340, comma 4
cod.proc.pen. sono a carico del querelato come disposto dalla legge.
P.T.M.
La Corte, annulla senza rinvio la sentenza impugnata perchè i reati sono
estinti per remissione di querela e pone le spese del procedimento a carico del
querelato Silo Manuel.

Così deciso il 20 novembre 2015.

personalmente evidenziando sia la remissione della querela ad opera della parte

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA