Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 50634 del 20/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 50634 Anno 2015
Presidente: SAVANI PIERO
Relatore: SABEONE GERARDO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
D’ANDREA MARIO N. IL 02/03/1956
PETRUCCI PAOLO N. IL 29/06/1956
avverso la sentenza n. 1174/2012 CORTE APPELLO di PERUGIA, del
26/04/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. GERARDO SABEONE ;

Data Udienza: 20/11/2015

4

RITENUTO IN FATTO
1. La Corte di Appello di Perugia, con sentenza del 26 aprile 2013, ha
confermato la sentenza di prime cure che aveva condannato Petrucci Paolo e

2. Avverso tale sentenza hanno proposto ricorso per cassazione entrambi
gli imputati, a mezzo del proprio difensore, lamentando una motivazione illogica
sulla mancata prevalenza delle attenuanti generiche sulle contestate aggravanti.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. I ricorso sono inammissibili.
2. Con riguardo al diniego della concessione delle attenuanti in misura
prevalente alla contestata aggravante, trattasi di doglianza che, per un verso,
passa del tutto sotto silenzio la pur esistente motivazione offerta sul punto dalla
Corte territoriale e, per altro verso, non contiene alcuna indicazione circa le
specifiche ragioni che avrebbero dovuto dar luogo alla chiesta concessione.
3. I ricorsi vanno, in definitiva, dichiarati inammissibili e i ricorrenti
condannati al pagamento delle spese processuali e di una somma di denaro in
favore della Cassa delle Ammende.
P.T.M.
La Corte, dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al
pagamento delle spese processuali e ciascuno della somma di euro 1.000,00 in
favore della Cassa delle Ammende.

Così deciso il 20 novembre 2015.

D’Andrea Mario per il delitto di furto pluriaggravato e porto abusivo di coltello.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA