Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 499 del 25/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 499 Anno 2014
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: MULLIRI GUICLA

Data Udienza: 25/10/2013

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
Piccinini Emiliano, nato a L’Aquila il 9.4.76
imputato art. 5 /g L.283/62
avverso la sentenza del Tribunale di L’Aquila dell’8.10.12

Sentita la relazione del cons. Guida Mùlliri;

osserva

Premesso che il ricorrente è stato ritenuto responsabile di violazione alla normativa
sulla sicurezza degli alimenti (art. 5 /g L.283/62) e condannato alla pena di 25.000 € di
ammenda;
Rilevato che, contro tale decisione, è stato proposto appello che, però, è stato
convertito in ricorso stante la non appellabilità (art. 593 co. 3 c.p.p.) di questo tipo di sentenza;
Constatato che il gravame è stato avanzato da difensore non abilitato (

perché non iscritto nel

prescritto albo speciale ex art. 613 c.p.p.);

Considerato che ciò dà luogo ad una causa di inammissibilità preliminarmente
assorbente rispetto ai restanti motivi di ricorso;

..•

Osservato che, alla presente declaratoria, segue, per legge, la condanna del ricorrente
al pagamento delle spese processuali ed al versamento alla Cassa delle Ammende della
somma di 1000 C

P.Q.M.
Visti gli artt. 610 e ss. c.p.p.

Così deciso in Roma nell’udienza del 25 ottobre 2013

Il Presidente

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 C.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA