Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 49343 del 11/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 49343 Anno 2015
Presidente: VECCHIO MASSIMO
Relatore: LA POSTA LUCIA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
MAIOLINI PIETRO N. IL 22/12/1970
avverso l’ordinanza n. 168/2014 CORTE APPELLO di NAPOLI, del
08/07/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. LUCIA LA POSTA;
lette/se le conclusioni del PG Dott.
rt
7
, 44″ ,

ct„_,

e>in Lte

Data Udienza: 11/11/2015

RITENUTO IN FATTO

1. Con ordinanza del 8.7.2014 la Corte di appello di Napoli, in funzione di
giudice dell’esecuzione, rigettava la richiesta avanzata da Pietro Maiolini volta
all’applicazione del beneficio dell’indulto di cui alla legge n. 241 del 2006,
ritenendo sussistenti i presupposti per la revoca del beneficio ove concesso.

2. Avverso l’ordinanza ha proposto ricorso per cassazione il Maiolini, a

motivazione.

3. Il ricorso deve essere qualificato come opposizione.
Il codice di rito (art. 672, comma 1 cod. proc. pen. e art. 667, comma 4,
cod. proc. pen.) prevede che per l’applicazione dell’amnistia e dell’indulto il
giudice dell’esecuzione procede senza formalità e cioè senza fissazione
dell’udienza di comparizione delle parti

(de plano)

e che contro tali

provvedimenti gli interessati possano proporre opposizione davanti allo stesso
giudice il quale dovrà procedere con le forme dell’incidente di esecuzione di cui
all’art. 666 cod. proc. pen., previa fissazione dell’udienza.
Ciò posto, nel caso di specie il giudice dell’esecuzione ha provveduto sulla
richiesta di applicazione dell’indulto con le forme previste dall’art. 672 cod. proc.
pen., ossia de plano; pertanto, avverso detto provvedimento doveva essere
proposta opposizione, né, in forza del principio di tassatività dei mezzi di
impugnazione, poteva essere proposto il ricorso per saltum.
E’ consentita, in tal caso, la riqualificazione dell’atto di impugnazione sulla
base del principio generale di conservazione degli atti giuridici e dei

favor

impugnationis (Sez. 4, 20 maggio 2009, n. 23901, Ichim, rv. 244221; Sez. 6, 21
aprile 2008, n. 25615, Montinaro, rv. 240529; Sez. 4, 9 marzo 2007, n. 18223,
rv. 237362; Sez. 3, 20 gennaio 2004 n. 14724, rv. 228605; Sez. 4, 27 maggio
2003, n. 34403, rv. 225717).
Il ricorso, a norma dell’art. 568, comma 5, cod. proc. peli., deve essere,
pertanto, qualificato opposizione con conseguente trasmissione degli atti alla
Corte di appello di Napoli per il giudizio di opposizione in base al combinato
disposto di cui agli artt. 667, comma 4, e 666 cod. proc. pen..

P.Q.M.

Qualificato il ricorso come opposizione, dispone la trasmissione degli atti alla
Corte di appello di Napoli per il corso ulteriore.

2

mezzo del difensore di fiducia, denunciando la violazione di legge ed il vizio della

Steukena,

4t5 3o5912045-

Così deciso, 1’11 novembre 2015.

4.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA