Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 48839 del 24/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 48839 Anno 2015
Presidente: D’ISA CLAUDIO
Relatore: PICCIALLI PATRIZIA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
MILANI DARIO N. IL 12/03/1973
avverso la sentenza n. 3906/2013 CORTE APPELLO di MILANO, del
16/12/2014
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 24/11/2015 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. PATRIZIA PICCIALLI
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott.
J4V
O
che ha concluso per

A

Udito, per la parte civile, l’Avv
Udit i difensor Avv.

(-

Data Udienza: 24/11/2015

Ritenuto in fatto

MILANI Dario ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe che, riformando in melius
quella di primo grado quanto al trattamento sanzionatorio, ne ha confermato peraltro il
giudizio di responsabilità relativamente al reato di lesioni colpose aggravate dalle

BIGLIERI Ennio.

Con il ricorso, in premessa, invoca l’annullamento della sentenza per estinzione del
reato, per essere nelle more, dopo la sentenza di appello, intervenuta remissione della
querela con relativa accettazione [produce al riguardo la relativa documentazione].

Con altro motivo, peraltro, contesta l’affermazione di responsabilità, ritenendo illogica e
non supportata da adeguata motivazione la ricostruzione dell’incidente stradale, pure
operata conformemente in primo e secondo grado.

Considerato in diritto

Va applicata la causa estintiva, con conseguente annullamento senza rinvio della
sentenza, non ricorrendo del resto ragioni per applicare il disposto dell’articolo 129,
comma 2, c.p.p., a fronte di una doppia conforme statuizione che ha ricostruito
l’eziologia dell’incidente e i profili della responsabilità in termini ampiamente satisfattivi
[in ossequio, tra l’altro, al principio secondo cui la ricostruzione di un incidente stradale
nella sua dinamica e nella sua eziologia -valutazione delle condotte dei singoli utenti della
strada coinvolti, accertamento delle relative responsabilità, determinazione dell’efficienza
causale di ciascuna colpa concorrente- è rimessa al giudice di merito ed integra una serie
di apprezzamenti di fatto che sono sottratti al sindacato di legittimità se sorretti da
adeguata motivazione: Sezione IV, 27 giugno 2013, Elia].

Nonostante la manifesta infondatezza della doglianza sulla responsabilità [articolata sulla
base di censure di fatto inaccoglibili in ragione del richiamato principio], che condurrebbe
alla declaratoria di inammissibilità, deve trovare applicazione il principio secondo cui la
remissione di querela, intervenuta in pendenza del ricorso per cassazione e ritualmente
accettata, determina l’estinzione del reato che prevale su eventuali cause di
inammissibilità e va rilevata e dichiarata dal giudice di legittimità, purché il ricorso sia
stato tempestivamente proposto (Sezioni unite, 25 febbraio 2004, Chiasserini).

2

violazione delle norme sulla circolazione stradale commesso in danno del pedone

In altri termini, la remissione della querela, ritualmente accettata, intervenuta dopo la
sentenza che chiude il giudizio di merito e prima della scadenza del termine per
l’impugnazione, estingue il reato (Sezione VI, 13 gennaio 2011, Cagnazzo).

Non risultano statuizioni civili.

Ai sensi dell’art. 340, comma 4, c.p.p., le spese del procedimento sono a carico del

PQM
Annulla senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto per remissione
della querela; pone le spese del procedimento a carico del Milani.
Così deciso in data 24 novembre 2015
Il Consigliere estensore

Il Presidente

querelato.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA