Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 48554 del 05/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 48554 Anno 2015
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: VILLONI ORLANDO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
LEORDA ION N. IL 10/03/1973
avverso la sentenza n. 3918/2009 CORTE APPELLO di GENOVA, del
27/01/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ORLANDO VILLONI;

Data Udienza: 05/11/2015

Motivi della decisione
L’imputato Leorda Ion ricorre contro l’indicata sentenza della Corte d’Appello di Genova che,
in parziale riforma di quella emessa dal Tribunale di Sanremo il 15/05/2009, ne ha ribadito la
assoluzione ivi stabilita dai reati di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento (artt. 337
e 635 cpv. cod. pen.) per assenza d’imputabilità dovuta a vizio totale di mente, sostituendo
alla misura di sicurezza del ricovero in OPG quella meno afflittiva della libertà vigilata per la
durata di due anni con obblighi.

Il ricorso è inammissibile perché manifestamente infondato, avendo la Corte territoriale adottato le proprie determinazioni all’esito di perizia, espletata all’espresso fine di verificare l’attualità di una pregressa valutazione di pericolosità sociale (pag. 2 motiv.)
Alla dichiarazione d’inammissibilità dell’impugnazione segue, come per legge, la condanna del
ricorrente al pagamento delle spese processuali ed al versamento di una somma in favore della
cassa delle ammende, che stimasi equo quantificare in C 1.000,00 (mille).

P. Q. M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e della somma di C 1.000,00 (mille) in favore della cassa delle ammende.
Roma, 5 novembr 2015

Il ricorrente deduce violazione di legge penale e vizio di motivazione in relazione alla ribadita
pericolosità sociale e alla conseguente applicazione della misura di sicurezza della libertà vigilata.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA