Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 48499 del 05/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 48499 Anno 2015
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: CAPOZZI ANGELO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
ALBANO MARIO N. IL 20/07/1972
avverso la sentenza n. 834/2012 CORTE APPELLO SEZ.DIST. di
TARANTO, del 15/07/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ANGELO CAPOZZI;

Data Udienza: 05/11/2015

RG 19617/15

Motivi della decisione
L’imputato ALBANO Mario ricorre a mezzo del difensore contro l’indicata sentenza della Corte
d’Appello di Lecce che ha confermato quella emessa dal Tribunale di Taranto in data
12.7.2012, appellata dall’imputato, che ha riconosciuto il predetto responsabile in ordine al
reato di cui all’art. 385 c.p. condannandolo a pena di giustizia.

Il ricorso è inammissibile perché generico ed in fatto, sostanzialmente reíterativo della
medesima doglianza in appello, rispetto alla quale la Corte di merito – senza vizi logici e
giuridici – ha risposto confermando la consumata condotta di evasione sulla base del
rinvenimento dell’imputato al di fuori dello stabile condominiale – essendo seduto sul gradino
esterno del portone di ingresso prospiciente la pubblica strada – rispetto alla abitazione sita al
primo piano dalla quale, quindi, si era arbitrariamente allontanato.
All’inammissibilità dell’impugnazione segue, come per legge, la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali ed al versamento di una somma in favore della cassa delle
ammende, che stimasi equo quantificare in euro 1.000,00 (mille).

P. Q. M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e della somma di Euro 1.000,00 (mille) in favore della cassa delle ammende.
Roma, 5.11.2015
Il consigliere estensore
Angelo Capozzi

Il Presjdente,
G iacomc1Paolorii

Il ricorrente deduce vizio della motivazione non avendo indicato elementi certi sulla
responsabilità dell’imputato e la sussistenza di tutti gli elementi del reato di evasione, essendo
stato l’imputato trovato su un gradino della sua abitazione senza alcuna intenzione di sottrarsi
agli obblighi impostigli.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA