Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 48306 del 26/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 48306 Anno 2015
Presidente: FIANDANESE FRANCO
Relatore: PRESTIPINO ANTONIO

SENTENZA
Sul ricorso proposto da:
BURRO JALLO
n. IL 15/03/1991
KWAME NELSON
n. il 13/06/1993
avverso la SENTENZA della Corte di Appello di ROMA
del 20/03/2015
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
Udita la relazione fatta in pubblica udienza dal Consigliere dr. Antonio Prestipino
Udito il Procuratore Generale in persona del dr.ssa Maria Giuseppina Fodaroni che ha concluso per
l’inammissibilità dei ricorsi.

Data Udienza: 26/11/2015

In Fatto e in diritto
Letti i ricorsi per cassazione proposti da Burro Jallo e Kwame Nelson avverso la sentenza in epigrafe,
che ad eccezione dell’attenuazione del trattamento sanzionatorio per il Burro, confermò nei confronti
di entrambi la sentenza di condanna in primo grado per i reati di rapina traffico di droga e altro, come
agli stessi in concorso o separatamente ascritti;
ritenuto che con successiva dichiarazione depositata presso la cancelleria di questa Corte, il Burro ha
ritualmente rinunciato al ricorso;
ritenuto che il ricorso del Kwame propone motivi del tutto vaghi, generici e essertivi sulla presunta
eccessività della pena inflittagli all’esito del giudizio di merito
ritenuto pertanto che entrambi i ricorsi vanno dichiarati inammissibili, con la condanna di ciascuno dei
ricorrenti, ai sensi dell’art. 616 cod. proc. pen., al pagamento delle spese processuali e al versamento
alla Cassa delle ammende della somma di euro 500,00 per il Burro e di euro 1000 per il Kwame,
commisurate all’effettivo grado di colpa degli stessi ricorrenti nella determinazione della causa di
inammissibilità.
P.Q.M.
Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali e della
somma di euro 500,00 Burro 3allo e di euro 1000 Kwame Nelson in favore della Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 26.11.2015

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA