Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 481 del 25/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 481 Anno 2014
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: AMORESANO SILVIO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
BECKOVA ZMATLOVA MARKETA N. IL 14/05/1956
avverso l’ordinanza n. 616/2012 CORTE APPELLO di PERUGIA, del
10/11/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SILVIO AMORESANO;

Data Udienza: 25/10/2013

Ritenuto:

– che la Corte d’appello di Perugia con ordinanza del 10/11/2012 ha dichiarato inammissibile
l’appello proposto da Beckova Zmatlova Marketa avverso la sentenza del Tribunale di Terni in data
13/04/2012, con la quale era stata dichiarata colpevole dei reati di cui agli art. 44, 71, 72, 93 e 95

permesso di costruire e senza l’osservanza delle altre prescrizioni di legge, e condannata alla pena di
giorni dieci di arresto ed € 10.000,00 di ammenda;
– che l’avviso di deposito dell’ordinanza è stato notificato all’imputata in data 20/02/2013;
– che il ricorso per cassazione presentato dalla Beckova il 04/04/2013 risulta tardivo, poiché a
questa data era già inutilmente decorso il termine per proporre impugnazione di giorni quindici,
decorrente dalla data della suddetta notificazione, secondo il combinato disposto dell’art. 585,
comma 1 lett. a) e comma 2 lett. a), c.p.p.;
– che peraltro l’impugnazione contiene esclusivamente censure generiche e fattuali;
– che il ricorso va dichiarato inammissibile con le conseguenze di legge;
f(p( -Ljtpx4,2 ‘fa VirtV ANuctk.
P. Q. M.

4,

(1-5

1/41AP-21-.:‘, 1

4’ 1-f eciJ 3 –

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del
procedimento, nonché della somma di € 1.000,00 alla cassa delle ammende.
Così deliberato in camera di consiglio il 25/10/2013.

del DPR n. 380/2001, a lei ascritti, per avere realizzato un solaio in cemento armato senza il

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA