Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 47782 del 19/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 47782 Anno 2015
Presidente: GENTILE MARIO
Relatore: GALLO DOMENICO

SENTENZA

Sul ricorso proposto da
Ardizzone Riccardo, nato a Penne il 17/12/1943
avverso la sentenza 26/11/2013 della Corte d’appello di Palermo, II
sezione penale;
visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Domenico Gallo;
udito il Pubblico Ministero in persona del Sostituto Procuratore generale,
Paola Filippi, che ha concluso per l’annullamento senza rinvio per essere il
reato estinto per remissione di querela. Spese come per legge.

RITENUTO IN FATTO

1.

Con sentenza in data 26/11/2013, la Corte di appello di Palermo,

confermava la sentenza del Tribunale di Milano, in data 12/45/2012, che
aveva condannato Ardizzone Riccardo alla pena di mesi sei di reclusione per
il reato di truffa in danno di Scimeca Luciano.
2.

Avverso tale sentenza propone ricorso l’imputato per mezzo del suo

difensore di fiducia, deducendo mancanza contraddittorietà o manifesta

1

Data Udienza: 19/11/2015

illogicità della motivazione per mancanza di una valida prova in ordine
all’identificazione dell’imputato. Eccepisce, inoltre, l’estinzione del reato per
intervenuta remissione della querela.

CONSIDERATO IN DIRITTO

d’appello determina l’estinzione del reato, a norma dell’art. 152 cod. pen. Di
conseguenza la sentenza impugnata deve essere annullata senza rinvio
perché il reato è estinto per remissione di querela. Ai sensi dell’art. 340,
comma IV, cod. proc. pen., le spese restano a carico del querelato.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il reato è estinto per
remissione di querela. Condanna il querelato Ardizzone Riccardo al
pagamento delle spese processuali.
Così deciso, il 19 novembre 2015

Il Consigliere estensore

Il Presidente

La remissione della querela intervenuta dopo la pronuncia della sentenza

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA