Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 47530 del 17/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 47530 Anno 2015
Presidente: CONTI GIOVANNI
Relatore: CAPOZZI ANGELO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
IANNONE ANTONELLA N. IL 21/08/1956
BUONOMO ROSARIO N. IL 12/05/1959
avverso l’ordinanza n. 23/2015 CORTE APPELLO di SALERNO, del
17/03/2015
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ANGELO CAPOZZI;
letteLaectite le conclusioni del PG Dott. n em,ss
er.R.L4,1

e,14.4.

C233•«0

tah- Q”.4
6($3

Uditi difensor Avv.;

<4.14~AtAvtAA....14.vo C‘4,Arvirakik £5,4„, t".tr elbAY.t. 6utrAi Ssait.,t~ 1,<-% Data Udienza: 17/11/2015 RITENUTO IN FATTO 1. Con ordinanza del 17.3.2015 la Corte di appello di Salerno, in funzione di giudice dell'esecuzione, ha rigettato i ricorsi avanzati da IANNONE Antonella e BUONUOMO Rosario con i quali i predetti chiedevano di essere rimessi nei termini per proporre impugnazione avverso la sentenza emessa dalla stessa Corte che aveva confermato quella 12.7.2007. 2. Avverso la decisione propongono ricorso per cassazione gli imputati, a mezzo del difensore, deducendo: 2.1. violazione ai sensi dell'art. 606 lett. c) cod. proc. pen. in relazione agli artt. 111 Cost. e 125, comma 3 , cod. proc pen. in relazione alla circostanza secondo la quale la motivazione della sentenza di appello non è stata mai depositata, essendo stato notificato ai ricorrenti solo un provvedimento emesso dal Presidente della sezione penale della Corte di appello che disponeva il deposito di sentenze sfornite di motivazione, unitamente alla intestazione della sentenza, al verbale di udienza ed al dispositivo. Restando i ricorrenti in attesa del deposito della motivazione della loro sentenza, successivamente gli si notificava la sentenza di primo grado divenuta irrevocabile, nonostante il primo provvedimento notificato loro non indicasse quali sentenze fossero prive di motivazione - e se fra queste vi fosse la loro - e per quali ragioni fossero sfornite di motivazione. 2.2. Manifesta illogicità della motivazione in relazione all'incerto presupposto del provvedimento presidenziale che ha omesso di specificare a quali sentenze si riferiva e che impediva di individuare se tra queste vi fosse quella di pertinenza dei ricorrenti. 3. Con requisitoria scritta il P.G. ha chiesto l'annullamento senza rinvio del provvedimento impugnato con trasmissione degli atti alla Corte di appello di Salerno per l'ulteriore corso, sul rilievo di ufficio della incompetenza funzionale della Corte di appello a decidere sulle istanze di restituzione nel termine per impugnare la sentenza di appello. emessa nei confronti dei predetti dal Tribunale di Salerno in data CONSIDERATO IN DIRITTO 1. Il ricorso è fondato per la ragione - preliminare ed assorbente rispetto ai motivi dedotti dalla difesa - riguardante la competenza funzionale del giudice dell'esecuzione. 2. La competenza a decidere sulla richiesta di restituzione in termini per proporre impugnazione avverso sentenza contumaciale di condanna - carattere funzionale e la sua inosservanza determina una nullità assoluta di carattere generale, rilevabile di ufficio in ogni stato e grado del procedimento (Sez. 1, n. 25070 del 08/05/2012, De Santis, Rv. 253039); ancora, la competenza a disporre la restituzione in termini per impugnare - a norma dell'art. 175, comma quarto, c.p.p. - appartiene al giudice dell'impugnazione quando sia già stata pronunciata sentenza di condanna; conseguentemente, l'ordinanza con la quale il giudice "a quo" provveda su detta istanza è nulla per incompetenza funzionale del giudice, stante l'inequivoca lettera della disposizione citata (Sez. 6, n. 3181 del 22/10/1998, Vespero G., Rv. 212018). 3. Nella specie, le istanze di rimessione in termini per proporre impugnazione avverso la sentenza di appello confermativa di quella di primo grado, depositate presso il Tribunale, sono state da questo trasmesse «per competenza» alla Corte di appello, che le ha decise con la decisione impugnata. 4. Tuttavia, funzionalmente competente a conoscere delle richieste avanzate ex art. 175 c.p.p. era la Corte di cassazione. 5. Pertanto, la ordinanza impugnata va annullata senza rinvio e le istanze di restituzione in termini dei ricorrenti vanno considerate come dirette alla Corte di cassazione. 6. Di qui, la disposizione alla cancelleria centrale della Corte di iscrizione del presente procedimento al Registro generale, per la successiva trattazione. r determinata ai sensi dell'art. 175, comma quarto, cod. proc. pen. - ha P.Q.M. Annulla senza rinvio l'ordinanza impugnata. Dispone che, considerata l'istanza di restituzione in termini come diretta alla Corte di cassazione, la cancelleria centrale provveda alla iscrizione del presente procedimento al Registro Generale. Così deciso in Roma, 17.11.2015.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA