Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 47527 del 17/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 47527 Anno 2015
Presidente: CONTI GIOVANNI
Relatore: CAPOZZI ANGELO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
MAKREM MINYAWI N. IL 06/04/1972
avverso la sentenza n. 2855/2014 GIP TRIBUNALE di IMPERIA, del
11/03/2015
sentita la relazione fatta dal Consigliere pott. ANGELO CAPOZZI;
letteAseet.ite le conclusioni del PG Dott. IU Pit e Yktt evau i

:41/45LA,..,musewieLva, -ti(yk f’:us flp •

Uditi difensor Avv.;

Data Udienza: 17/11/2015

21532/15 RG
RITENUTO IN FATTO

1. Con la sentenza indicata in epigrafe il Tribunale di Imperia ha applicato a
MAKREM Minay, ai sensi dell’art. 444 cod. proc. pen.,

la pena

concordata per il reato di cui all’art. 73, comma 5, d.p.R. n. 309/90.

mezzo del difensore, deducendo:
– violazione dell’art. 442 comma 2 cod. proc. pen. e vizio della
motivazione in relazione all’art. 129 c.p.p., risultando a riguardo una
mera formula di stile.
– applicabilità dell’art. 131bis cod. pen. in relazione alla qualificazione
del fatto, alle modalità della condotta ed all’esiguità del danno, nonché
alla non abitualità del comportamento posto in essere dall’imputato.
3. Con requisitoria scritta il P.G. ha chiesto dichiararsi l’inammissibilità
del ricorso, rilevando l’infondatezza dell’istanza ex art. 131bis cod. pen..

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. L’impugnazione è inammissibile.
2. Il primo motivo è, oltreché generico, manifestamente infondato, atteso
che il giudice, nell’applicare la pena concordata, si è conformato alle
indicazioni di questa Corte regolatrice e, adeguandosi a quanto
contenuto nell’accordo tra le parti ed esplicitando l’effettuazione dei
controlli a lui demandati, ha soddisfatto in maniera adeguata all’obbligo
di

motivazione,

calibrato

in

rapporto

alla

speciale

natura

dell’accertamento in sede di applicazione della pena su richiesta delle
parti (Cass. Sez. U del 27/03/1992, Di Benedetto; Sez. U del
27/09/1995, Serafino; Sez. U del 25/11/1998, Messina), essendosi
giudicate insussistenti le condizioni per il proscioglimento ai sensi
dell’art. 129 c.p.p. sulla base delle emergenze acquisite analiticamente
esposte.
3. La sollecitata applicazione della ipotesi di cui all’art. 131bis cod. pen. è
improponibile in questa sede di legittimità non emergendo ictu ocu/i
1

2. Contro la sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’ imputato, a

dalla sentenza impugnata le condizioni richieste dalla norma invocata,
desumendosi da essa , piuttosto, indici della gravità del fatto.
4. All’inammissibilità della impugnazione segue, come per legge, la
condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e al
versamento di una somma in favore della cassa delle ammende, che

P. Q. M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e della somma di Euro 1.500,00
(millecinquecento) in favore della cassa delle ammende.

Roma, 17.11.2015

Il consigliere estensore

Il Presidente

An elo C p zzi

Giovanni Conti

stimasi equo quantificare in euro 1.500,00 (millecinquecento).

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA