Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 45808 del 09/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 7 Num. 45808 Anno 2015
Presidente: LOMBARDI ALFREDO MARIA
Relatore: LIGNOLA FERDINANDO

RDINANZ

sul ricorso proposto da:
BARACETTI DONATELLA N. IL 11/07/1964
avverso la sentenza n. 416/2012 CORTE APPELLO di TRIESTE, del
17/06/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. FERDINANDO
LIGNOLA;

Data Udienza: 09/11/2015

RILEVATO IN FATTO
– che con l’impugnata sentenza, con parziale riforma di quella di primo grado,
BARACETTI DONATELLA è stata condannata alla pena di giustizia per il delitto di
furto semplice di 20€ di carburante, provvedendo a rifornirsi al self service di un
distributore per poi allontanarsi senza pagare;
– che avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione il difensore
dell’imputata, avv. Paolo Viola, deducendo l’estinzione del reato per intervenuta
remissione di querela e contestuale accettazione in data 6 dicembre 2014;
che con memoria del 29 settembre 2015 il difensore chiede del procedimento sia

remissione di querela e contestuale accettazione;

CONSIDERATO IN DIRITTO
– che deve essere emessa sentenza di annullamento senza rinvio, per essere il
reato estinto per remissione di querela, essendo questo procedibile a querela di
parte;
– che non sono riscontrabili, nella decisione impugnata, elementi di giudizio
idonei a riconoscere la prova evidente dell’innocenza dell’imputato, nè, in
generale, l’incontrovertibile insussistenza dei fatti;
– che l’estinzione del reato per essere intervenuta remissione di querela
ritualmente accettata in pendenza del ricorso per cassazione, determina
l’estinzione del reato, che prevale su eventuali cause di inammissibilità e va
rilevata e dichiarata dal giudice di legittimità, purché il ricorso sia stato
tempestivamente proposto (Sez. U, n. 24246 del 25/02/2004, Chiasserini, Rv.
227681), come è avvenuto nel caso di specie;
– che in conclusione la sentenza impugnata deve essere annullata senza rinvio,
perché il reato è estinto per remissione di querela;
– che in mancanza di deroga pattizia, le spese processuali sono da porre a carico
della querelata, come per legge (art. 340 cod. proc.. pen., comma 4);

P. Q. M.

annulla la sentenza impugnata senza rinvio per essere il reato contestato estinto
per remissione di querela. Pone le spese a carico della querelata BARACETTI
DONATELLA.
Così deciso in Roma, il 9 novembre 2015
Il consigliere estensore

Il presidente

chiamato in pubblica udienza, al fine di prendere atto dell’intervenuta

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA