Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 45779 del 09/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 45779 Anno 2015
Presidente: LOMBARDI ALFREDO MARIA
Relatore: PALLA STEFANO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
GUARINO FRANCESCO N. IL 04/01/1950
avverso la sentenza n. 11/2014 TRIBUNALE di PALERMO, del
12/06/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. STEFANO PALLA;

Data Udienza: 09/11/2015

Guarino Francesco ricorre avverso la sentenza 12.6.14 del Tribunale di Palermo con la quale, in
parziale riforma di quella in data 11.12.13 del locale giudice di pace, è stata determinato in € 700,00
l’ammontare del risarcimento dei danni in favore della parte civile, Pisciotta Concetta, con
conferma della condanna, per il reato di cui al comma 2 dell’art.582 c.p., alla pena di € 1.000,00 di

Deduce il ricorrente violazione dell’art.606, comma 1, lett.b) ed e) c.p.p. , per carenza di
motivazione, avendo i fatti di causa trovato origine nel rapporto sentimentale ormai deterioratosi fra
le parti, ma essendosi il tribunale limitato a dare credito alle dichiarazioni della p.o. senza
considerare le doglianze al riguardo evidenziate con l’atto di appello ed apoditticamente ritenendo
tali dichiarazioni compatibili con , senza affidarsi alla valutazione di un
esperto.
Osserva la Corte che il ricorso si presenta del tutto generico e manifestamente infondato, avendo il
giudici di appello congruamente motivato circa la responsabilità del Guarino, quale risultante dalle
dichiarazioni della p.o. Pisciotta Concetta — la cui attendibilità è adeguatamente argomentata – ,
secondo cui era stata aggredita dall’ex convivente con colpi al viso e alla regione toracica.
Tali dichiarazioni erano state riscontrate — ha correttamente evidenziato il tribunale — sia dagli
operanti immediatamente intervenuti, che avevano constatato la presenza sul posto del Guarino, che
dai risultati della certificazione medica attestante , pienamente compatibili con la descritta
aggressione.
Alla inammissibilità del ricorso segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese
processuali e di una somma in favore della Cassa delle ammende che reputasi equo determinare in
€ 1.000,00.

multa.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e
della somma di € 1.000,00 in favore della Cassa delle ammende.

Roma, 9 novembre 2015

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA