Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 454 del 25/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 454 Anno 2014
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: MULLIRI GUICLA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
Palmintelli Giovanni, nato a Napoli il 29.3.37
imputato art. 44/c D.P.R. 380/01
avverso la sentenza della Corte d’Appello di Napoli del 3.7.12

Sentita la relazione del cons. Guida Mùlliri;

osserva

La Corte d’appello, nel ribadire il giudizio di responsabilità espresso dal Tribunale nei
confronti del ricorrente, accusato di varie violazioni edilizie, ha dichiarato la estinzione dei reati
di cui ai capi b) c) ed e) (contravvenzioni punite con la sola ammenda), rideterminando la condanna per
il reato di cui all’art. 44/c D.P.R. 380/01.
Con l’atto di gravame, il ricorrente deduce che la Corte ha errato nel computare i
periodi di sospensione della prescrizione visto che, quando il rinvio è per impedimento
legittimo del difensore, non può esservi differimento superiore a sessanta giorni.
Il ricorso è manifestamente infondato e, quindi, inammissibile.
L’assunto difensivo è errato perché, trattandosi di fatti verificatisi a cavallo tra le due
discipline della prescrizione, deve applicarsi il regime precedente in quanto sicuramente più
(visto che prevede un termine massimo di prescrizione di anni 4 e mesi sei), al contempo, però, deve

Data Udienza: 25/10/2013

applicarsi anche l’art. 159 c.p. nella sua versione precedente che non prevedeva il limite dei 60
giorni nel caso di sospensione per legittimo impedimento del difensore o dell’imputato.
Nella specie, pertanto, il ragionamento della Corte è stato corretto ed, allo stato, non si
può tener conto della prescrizione intervenuta medio tempore perché la inammissibilità del
presente ricorso ha impedito l’instaurarsi di un valido rapporto di impugnazione con
conseguente impossibilità, per questa S.C., di rilevare, ex art. 129 c.p.p., eventuali cause
estintive sopraggiunte.
Alla presente declaratoria segue, per legge, la condanna del ricorrente al pagamento
delle spese processuali ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 C.

Visti gli artt. 610 e ss. c.p.p.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 C.

Così deciso in Roma nell’udienza del 25 ottobre 2013

Il Presidente

P.Q.M.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA