Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 44239 del 15/10/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 44239 Anno 2015
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: CITTERIO CARLO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
CANCELLI ANDREA N. IL 01/06/1976
avverso la sentenza n. 1167/2014 CORTE APPELLO di VENEZIA, del
25/09/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. CARLO CITTERIO;

Data Udienza: 15/10/2015

5149/15 RG

1

ORDINANZA
RAGIONI DELLA DECISIONE
1. Avverso la sentenza della Corte d’appello di Venezia in data
25.9.14, che confermava la sua condanna per reato ex art. 75 d. Igs. 159/11,
ricorre per cassazione l’imputato Andrea Cancelli, con atto formalmente
personale, enunciando motivi di vizi alternativi di motivazione e violazione

legge e mancanza di motivazione sulla ritenuta sussistenza del reato, violazione
di legge e vizi alternativi della motivazione per il diniego delle attenuanti
generiche e la ritenuta recidiva.
2.

Il ricorso è originariamente inammissibile, i motivi essendo

manifestamente infondati o diversi da quelli consentiti (risolvendosi in
sollecitazione a diversi apprezzamenti di merito). Consegue la condanna del
ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma, equa al caso, di
euro 1000 alla Cassa delle ammende.
Quanto al primo motivo, vi è risposta non apparente della Corte
quando enumera le caratteristiche, plurime e convergenti, della deposizione del
teste e conferma l’apprezzamento del GUP.
Quanto al secondo, richiamando la valutazione del GUP e la sua
ricostruzione del fatto la Corte ha dato atto che il luogo dove Cancelli si era
recato era non coerente all’itinerario tra abitazione e luogo di lavoro e
rispondeva ad esigenza non pertinente la ragione per cui era stato autorizzato ad
allontanarsi dal territorio comunale dove era obbligato a dimorare: il resto è
merito.
Terzo e quarto motivo propongono censure di merito. La Corte ha
espressamente commentato i numerosi precedenti penali e la stessa applicazione
della misura di prevenzione: ragioni più che idonee a fondare le conclusioni sui
due punti e costituenti, appunto, apprezzamento di merito non palesemente
incoerente ai dati riferiti.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e della somma di euro 1000 alla Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, il 15.10.2015

dell’art. 192 c.p.p. sul punto dell’affermazione di responsabilità, violazione di

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA