Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 434 del 25/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 434 Anno 2014
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: AMORESANO SILVIO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
SPECCHIA COSIMO DAMIANO N. IL 12/07/1953
avverso la sentenza n. 1743/2011 CORTE APPELLO di LECCE, del
23/01/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SILVIO AMORESANO;

Data Udienza: 25/10/2013


Ritenuto:
– che la Corte d’appello di Lecce con sentenza del 23/01/2013 ha confermato la sentenza del
Tribunale di Brindisi, sezione distaccata di Ostuni, in data 20/04/2011, con la quale Specchia
Cosimo era stato dichiarato colpevole del reato di cui all’art. 256, comma 3, del D. Lgs n. 152/2006,
a lui ascritto per avere realizzato, su un’area di sua proprietà, una discarica abusiva di materiali
ferrosi, carcasse di autovetture e pneumatici, e condannato alla pena di mesi sei di arresto ed €
2.600,00 di ammenda;

materiale probatorio acquisito agli atti processuali ed, in particolare, la corte territoriale ha rigettato
i motivi di gravame con i quali l’appellante aveva sostenuto che doveva ravvisarsi un’ipotesi di
deposito temporaneo di rifiuti e che non potevano qualificarsi tali gli automezzi ancora muniti di
targa e le parti di auto destinate ad essere rivendute;
– che avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’imputato, il quale, denunziando
vizi di motivazione e violazione di legge, ripropone la medesima questione già sottoposta all’esame
dei giudici di merito;
– che il ricorso è manifestamente infondato, oltre a contenere deduzioni in punto di fatto
inammissibili in sede di legittimità;
– che, infatti, la valutazione dei giudici di merito in ordine alla sussistenza di una discarica
costituisce corretta applicazione della definizione contenuta nell’art. 2, comma 1 lett. g), del D. Lgs.
n. 36 del 13/01/2003 e dei principi di diritto affermati dalla giurisprudenza di questa Corte in
materia, mentre il ricorrente si limita a reiterare deduzioni in punto di fatto in ordine alla natura dei
materiali indicati nell’accertamento di merito come rifiuti e alla loro destinazione allo smaltimento;
– che il ricorso va dichiarato inammissibile con le conseguenze di legge;
P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del
procedimento, nonché della somma di € 1.000,00 alla cassa delle ammende.
Così deliberato in camera di consiglio il 25.10.2013.

– che i giudici di merito hanno valorizzato, ai fini dell’affermazione di responsabilità, il complessivo

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA