Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 43045 del 13/05/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 5 Num. 43045 Anno 2015
Presidente: LOMBARDI ALFREDO MARIA
Relatore: DE BERARDINIS SILVANA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI
ROMA
nei confronti di:
GIBOTTA CIRO N. IL 03/05/1953
avverso la sentenza n. 40478/2014 CORTE DI CASSAZIONE di
ROMA, del 18/11/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SILVANA DE
BERARDINIS;
l e/sentite le conclusioni del PG Dott.
‘M
a
o 0.

Uditi difensor Avv.;

Data Udienza: 13/05/2015

PQM
Visto l’art.130 CPP.,
Dispone farsi luogo alla correzione ,nel senso che nel dispositivo della sentenza
emessa da questa Corte in data 18 novembre 2014, nel procedimento n.40478/2014
RG.
laddove risulta indicato il giudice del rinvio sia inserita la frase “ad altra Sezione
della Corte di Appello di Bologna” in luogo della frase “al Tribunale di
Ravenna,Sezione distaccata di Faenza”. ri ou4SA, 0-atz. aen (.414 rii -`k- rt4
knstoki4 ;i4;
Roma,deciso il 13 maggio 2015.
Il Consigliere relatore

A seguito della sentenza emessa da questa Corte in data 18.11.2014,che ha definito il
ricorso n.40478/2014,proposto dal Procuratore Generale presso la Corte di Appello di
Bologna,avverso la sentenza emessa dalla predetta Corte in data 8/7/2014,nei
confronti di GIBOTTA Ciro,considerato che nel dispositivo risulta indicato quale
giudice del rinvio il Tribunale di Ravenna,Sezione distaccata di Faenza,in luogo della
indicazione di altra Sezione della Corte di Appello di Bologna;
-considerato che risulta essersi verificato un mero errore materiale riconducibile
all’ipotesi dell’art.130 cpp.,e che la rettifica richiesta non implica la modifica
sostanziale della decisione,essendo la sentenza oggetto di ricorso emessa dalla Corte
di Appello di Bologna.
Conformemente alle conclusioni formulate in data odierna dal PG in Sede

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA