Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 42851 del 03/10/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 42851 Anno 2015
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: GRILLO RENATO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
VALENTINO SALVATORE N. IL 16/03/1975
avverso la sentenza n. 1207/2012 CORTE APPELLO di PALERMO,
del 17/10/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. RENATO GRILLO;

Data Udienza: 03/10/2014

Ritenuto:
-che con la sentenza in epigrafe segnata la Corte di Appello di Palermo ha
confermato il decisum di prime cure, reso a seguito di rito abbreviato, con
il quale Salvatore Valentino era stato riconosciuto responsabile dei reati
di cui agli artt. 648 co. 2 cod.pen. e 171 ter lett. c) L. 633/41, per avere
musicali, abusivamente duplicati, che poneva in vendita sulla pubblica via;
con condanna del prevenuto alla pena ritenuta di giustizia;
-che la difesa del Valentino ha proposto ricorso per cassazione,
eccependo violazione degli artt. 192 e 530 cod.proc.pen., in quanto il
giudice censurato ha omesso di esaminare punti decisivi, appiattendosi
sul discorso giustificativo svolto dal giudice di prime cure;
-che le censure, sollevate con il motivo di annullamento, non possono
trovare ingresso, non solo perché sorrette da deduzioni fattuali, ma
soprattutto in quanto del tutto non specifiche e, quindi inammissibili ex
art. 591 co. 1 lett. c) cod.peroc.pen.;
-che il ricorso va dichiarato inammissibile con le conseguenze di legge;
P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e al versamento in favore della Cassa delle
Ammende della somma di euro 1.000.
Così deciso in Roma 3/10/2014.

acquistato o comunque ricevuto, al fine di trarne profitto, n. 39 CD

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA