Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 42803 del 19/05/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 42803 Anno 2015
Presidente: DI TOMASSI MARIASTEFANIA
Relatore: SANDRINI ENRICO GIUSEPPE

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
RIAHI ABDELOUAHAB N. IL 05/03/1989
avverso l’ordinanza n. 1211/2014 TRIBUNALE di MILANO, del
06/06/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ENRICO GIUSEPPE
SANDRINI;

Data Udienza: 19/05/2015

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

Il ricorso per cassazione proposto da Riahi Abdelouahab, a mezzo del difensore,
deducendo violazione del diritto di difesa e omessa motivazione, avverso
l’ordinanza indicata in rubrica con cui il Tribunale di Milano ha ri g ettato
l’incidente di esecuzione avente ad o gg etto la contestazione dell’esecutività della
sentenza di applicazione della pena, pronunciata il 25.06.2013 dal medesimo
Tribunale, per omissione della notifica de g li avvisi di fissazione dell’udienza

alla Corte di cassazione, è manifestamente infondat o e deve essere dichiarato
-,( 1: Un a ‘unitt-42_.
Wea_
tA4A( -A
12 e jiùajo, 14.6,0 a Iuta°
“titet tkuo, 09- (R, tablfA o& ewA2–btrm
D’eutoZQ d(QA/wAei.
Gut
6Z5
OirMiAt co~
Aot”‘-orc(1
oemA
L’avviso dell’udienza camerale dinanzi a q uesta ‘Corte, inYatti, era stato 141-au;

C

ritualmente notificato al difensore di fiducia del Riahi, avv. Carlo Raffa g lio, così –

GA

come correttamente
correttamente ritenuto dall’ordinanza impu g nata, in conformità al chiaro
disposto dell’art. 613 comma 4 del codice di rito, secondo cui g li avvisi che
devono essere dati al difensore sono notificati (anche) all’imputato soltanto nel
caso in cui q uesti non sia assistito da un difensore di fiducia ; la dog lianza, q ui
riproposta, del ricorrente di non aver ricevuto notifica personale dell’avviso (in
carcere o nel domicilio da lui eletto nel ricorso presso l’avv. D’Alessio, che non
era il difensore – nominato – del
hàr1-€9.–

-ahi) è dun q ue naaftifestemente-itrfemeityte. I UlL
afelMic, —

All’inammissibilità del ricorso conse g ue la condanna del ricorrente al pa g amento
delle spese processuali e al versamento alla cassa delle ammende della sanzione
pecuniaria che si ritiene e q uo determinare nella somma di 1.000 euro.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pa g amento delle
spese processuali e al versamento della somma di C 1.000,00 alla Cassa delle
Ammende.
Così deciso il 19/05/2015

tAkmd -5

camerale sull’impu g nazione di le g ittimità proposta avverso la sentenza dinanzi

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA