Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 41894 del 05/10/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 41894 Anno 2015
Presidente: LOMBARDI ALFREDO MARIA
Relatore: SABEONE GERARDO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
GACIU COSTEL ALIAS N. IL 09/05/1972
avverso la sentenza n. 840/2012 CORTE APPELLO di PERUGIA, del
14/05/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. GERARDO SABEONE ;

Data Udienza: 05/10/2015

P

RITENUTO IN FATTO
– che con l’impugnata sentenza la Corte di Appello di Perugia ha
parzialmente confermato la sentenza di prime cure ed ha condannato Gaciu
Costei per il reato di cui all’articolo 496 cod.pen. (false dichiarazioni sulla propria
identità personale) invece che del contestato reato di cui all’articolo 495 cod.pen.

– che avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione
l’imputato, a mezzo del proprio difensore, denunciando genericamente una
violazione di legge e una motivazione illogica in merito all’affermazione della
penale responsabilità nonché alla mancata concessione delle attenuanti
generiche.
CONSIDERATO IN DIRITTO
– che il ricorso va dichiarato inammissibile in quanto il motivo nel merito
si sostanzia in una generica ed indebita contestazione dell’impugnata sentenza
che, inoltre, passa del tutto sotto silenzio la pur esistente motivazione offerta sul
punto dalla Corte territoriale;
– che, del pari, la mancata concessione delle attenuanti generiche non
tiene conto della motivazione espressa dalla Corte d’Appello secondo logica e
diritto;
– che la ritenuta inammissibilità del ricorso comporta le conseguenze di
cui all’articolo 616 cod.proc.pen., ivi compresa, in assenza di elementi che
valgano ad escludere ogni profilo di colpa, anche l’applicazione della prescritta
sanzione pecuniaria, il cui importo stimasi equo fissare in euro mille;
P. T. M.

La Corte, dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al
pagamento delle spese processuali e della somma di euro 1.000,00 in favore
della Cassa delle Ammende.

Così deciso il 5ottobre 2015.

(false attestazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità personale);

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA