Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 40585 del 14/11/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 40585 Anno 2015
Presidente: TERESI ALFREDO
Relatore: GRILLO RENATO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
PUGLISI ANDREA N. IL 22/06/1952
STIMOLO NELLA N. IL 20/11/1959
avverso la sentenza n. 2214/2011 CORTE APPELLO di CATANIA, del
19/03/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. RENATO GRILLO;

Data Udienza: 14/11/2014

Ritenuto:
– che con la sentenza in epigrafe segnata la Corte di Appello di Catania, in
parziale riforma del decisum di prime cure, con il quale Andrea Puglisi e
Nella Stimolo erano stati riconosciuti responsabili dei reati di cui agli artt.
110 cod.pen., 44 lett. c), 93, 84 e 95, d.P.R. 380/01, 181, d.Lvo 42/04, per
36,33, in difetto di permesso di costruire, in zona sottoposta a vincoli
paesaggistico e sismico, ha concesso ai prevenuti il beneficio della non
menzione;
-che la difesa degli imputati ha proposto ricorso per cassazione,
eccependo la nullità della gravata decisione per violazione dell’art. 119
cod.proc.pen., in quanto il Puglisi e la Stimolo, entrambi sordomuti, non
hanno avuto cognizione degli atti relativi al procedimento, non essendo
stati assistiti da un interprete; in ogni caso i prevenuti andavano assolti,
perché il fatto non sussiste; ingiustificato diniego del beneficio ex art. 163
cod.pen., in dipendenza della pendenza del ricorso innanzi al T.A.R.
Catania; eccessività della pena;
-che la stessa difesa ha inoltrato in atti istanza, con la quale insiste per
l’accoglimento del ricorso e chiede che lo stesso sia discusso in pubblica
udienza;
-che il vaglio di legittimità, a cui è stata sottoposta l’impugnata pronuncia,
consente di rilevare la logicità e la correttezza della argomentazione
motivazionale, adottata dal decidente in ordine alla ritenuta
concretizzazione dei reati contestati e alla ascrivibilità di essi in capo agli
imputati;
-che, in particolare, manifestamente infondata è la eccepita violazione
dell’art. 119 cod.proc.pen., in quanto la garanzia dell’interprete,
assicurata dal co. 2 delle citata norma codicistica, è destinata ad operare

avere realizzato un fabbricato per civile abitazione, della superficie di mq.

in tutte le fasi processuali dominate dall’oralità, nelle quali sia prevista la
partecipazione personale dell’imputato: nella specie il Puglisi e la Stimolo
sono rimasti contumaci in entrambi i gradi di giudizio, di tal chè la censura
sollevata non ha ragion d’essere;

fondamento, rilevato che la Corte territoriale è pervenuta alla conferma
del giudizio di colpevolezza dei prevenuti, già espresso dal Tribunale, a
seguito di una rinnovata e compiuta disamina degli elementi costituenti la
piattaforma probatoria, confermativi del teorema accusatorio;
-che il discorso giustificativo, svolto dal giudice di merito, in relazione al
trattamento sanzionatorio, si palesa esente da vizi, in quanto, ad avviso
del decidente, a giusta ragione, la pena inflitta ai prevenuti è stata
determinata a partire da una base corrispondente al minimo edittale per
la pena detentiva, ed assai prossima ad esso, per la pecuniaria, e non è
suscettibile di ulteriori interventi in melius, apparendo adeguata e
proporzionata alla oggettiva gravità dei fatti;
-che l’ulteriore censura, attinente alla mancata concessione del beneficio
ex art. 163 cod.pen., non può trovare ingresso, perché la relativa istanza
viene proposta ex novo in sede di legittimità e non è stata mai formulata
in fase di merito;
-che, peraltro, le censure sollevate sono inammissibili, perché non
specifiche, in quanto ripetitive, sic et simpliciter, delle stesse ragioni già
esaminate e rigettate dal giudice censurato ( ex multis Ca.. 11/10/2004, n.
39598);
-che i ricorsi vanno dichiarati inammissibili con le conseguenze di legge;

9_

-che il secondo motivo di annullamento è del tutto destituito di

P. Q. M.
Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna ciascun ricorrente al
pagamento delle spese processuali e al versamento in favore della Cassa
delle Ammende della somma di euro 1.000,00.

Così deciso in Roma il 14/11/2014.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA