Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 40565 del 26/09/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 40565 Anno 2015
Presidente: TERESI ALFREDO
Relatore: GRILLO RENATO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
TUFO CARMINE N. IL 20/04/1960
avverso la sentenza n. 953/2012 TRIBUNALE di BENEVENTO, del
11/02/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. RENATO GRILLO;

Data Udienza: 26/09/2014

Ritenuto:
– che con la sentenza in epigrafe segnata, resa a seguito di rito abbreviato,
il Tribunale di Benevento ha dichiarato Carmine Tufo responsabile di
diverse violazioni in materia di sicurezza sul lavoro, disciplinata dal d.Lvo
81/08, condannando il prevenuto alla pena di euro 2.000,00 di ammenda;

qualificato ex art. 568 co. 5 cod.proc.pen. come ricorso per cassazione;
– che la stessa difesa ha inoltrato in atti memoria, specificando,
ulteriormente, le ragioni poste a sostegno dei motivi di annullamento;
– che l’atto di gravame genetico è stato sottoscritto esclusivamente dal
difensore di fiducia del prevenuto, avv. Lucia Catalano, il quale all’epoca
del deposito del predetto atto di impugnazione ( 7/5/2013 ) non era
abilitata ad esercitare il patrocinio innanzi le Giurisdizioni Superiori,
abilitazione conseguita a seguito della iscrizione nel relativo Albo Speciale
in data 20/6/2014;
– che, pertanto, il ricorso va dichiarato inammissibile ex art. 613 co. 1
cod.proc.pen., con le conseguenze di legge;
P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e al versamento in favore della Cassa delle
Ammende della somma di euro 1.000,00.
Così deciso in Roma l 26/9/2014.

– che avverso detta decisione la difesa del Tufo ha interposto appello,

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA