Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 40550 del 26/09/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 40550 Anno 2015
Presidente: TERESI ALFREDO
Relatore: GRILLO RENATO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
PRIVITERA NICOLO’ N. IL 01/10/1952
BONACCORSI MARIA N. IL 11/10/1951
avverso la sentenza n. 167/2009 TR1B.SEZ.DIST. di PATERNO’, del
13/11/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. RENATO GRILLO;

Data Udienza: 26/09/2014

Ritenuto:
-che con la sentenza in epigrafe segnata il Tribunale di Catania, sezione
distaccata di Paternò, su concorde richiesta delle parti, ha applicato la
pena di euro 500,00 di ammenda ciascuno a carico di Nicolò Santo
Privitera e Maria Bonaccorsi, imputati dei reati di cui agli artt. 36 L.
concessione ad entrambi dei doppi benefici di legge e ordine di
demolizione del manufatto abusivamente realizzato;
-che la difesa dei prevenuti ha proposto ricorso per cassazione,
eccependo l’erronea applicazione dell’art. 31 co. 9 d.P.R. 380/01 in
relazione all’art. 44 lett. b) stesso decreto; nonché il vizio di motivazione
in relazione alla mancata valutazione della parziale rimessione in pristino
dell’abuso edilizio;
-che il vaglio di legittimità, a cui è stata sottoposta l’impugnata pronuncia,
consente di rilevare la logicità e la correttezza della argomentazione
motivazionale, adottata dal decidente;
-che l’ordine di demolizione deve essere emesso anche nei casi di
applicazione della pena su richiesta delle parti, ex art. 444 cod.proc.pen.,
qualora ne ricorrano i presupposti ( ex multis Cass. 3/7/2000, n. 7617 );
presupposti, con netta evidenza ravvisabili nel caso di specie, vista l’entità
delle opere illecitamente realizzate;
-che il secondo motivo di annullamento è del tutto inconferente, in
quanto la parziale rimessione in pristino non può incidere sulla necessità
della eliminazione dell’abuso e, quindi, delle conseguenze dannose del
reato;
-che i ricorsi vanno dichiarati inammissibili con le conseguenze di legge;

R.Siciliana n. 71/1978, 44 lett. b), 93, 94 e 95 d.P.R. 380/01; con

P. Q. M.
Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna ciascuno dei ricorrenti al
pagamento delle spese processuali e al versamento in favore della Cassa
delle Ammende della somma di euro 1.500,00.

Così deciso in Roma il 26/9/2014.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA