Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 40015 del 10/07/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 40015 Anno 2015
Presidente: SQUASSONI CLAUDIA
Relatore: MULLIRI GUICLA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
De Mauro Giuseppe, nato a Napoli il 18.3.65
imputato artt. 44 D.P.R. 380/01 e 1161 cod. nav.
avverso la sentenza della Corte d’Appello di Napoli del 17.2.14

Sentita la relazione del cons. Guida Mùlliri;
osserva

Il ricorrente è stato condannato per avere realizzato abusivamente un chiosco in area
demaniale e la Corte d’appello, con la sentenza qui impugnata, ha confermato.
Nel presente ricorso, il De Mauro lamenta mancanza di motivazione per non avere la
Corte fatto altro che richiamare la prima decisione ignorando i motivi di appello.
Il ricorso è inammissibile perché generico e, comunque, manifestamente infondato.
La doglianza, infatti, non precisa né il contenuto dei motivi di appello né gli aspetti di
tali motivi ai quali la Corte non avrebbe fornito una risposta ovvero la stessa non sarebbe
congrua. Invero, leggendo la sentenza impugnata, si coglie che il primo motivo è in punto di
responsabilità e lo stesso viene disatteso, non solo, attraverso il richiamo alla sentenza di
primo grado, ma anche, ricordando le dichiarazioni testimoniali di pubblici ufficiali del Comune
acquisite nel corso dell’istruttoria dibattimentale. La Corte ricorda, altresì, che l’imputato aveva

Data Udienza: 10/07/2015

provveduto a riedificare, su suolo demaniale, là dove erano già state demolite precedenti opere
abusive.
Sembra, poi, comprendere che ulteriore motivo di doglianza era rappresentato
dall’ammontare della pena ma, anche a tale proposito, i giudici di secondo grado hanno
replicato puntualmente con motivazione congrua e logica che non merita qui censure.
Alla presente declaratoria segue, per legge, la condanna del ricorrente al pagamento
delle spese processuali ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 C.
P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 C.

Così deciso in Roma nell’udienza del 10 luglio 2015

Il residente

Visti gli artt. 610 e ss. c.p.p.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA