Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 39980 del 29/04/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 39980 Anno 2015
Presidente: IZZO FAUSTO
Relatore: ESPOSITO LUCIA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
GALLUS FRANCESCO N. IL 05/08/1966
avverso la sentenza n. 1341/2013 CORTE APPELLO di MILANO, del
27/11/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO;

Data Udienza: 29/04/2015

Fatto e diritto

– Rilevato che la Corte d’Appello di Milano confermava la sentenza di primo grado che aveva
dichiarato il ricorrente colpevole del reato di cui tentativo di furto aggravato;
– che avverso la sentenza l’imputato proponeva ricorso per cassazione, deducendo:
1) che erroneamente era stata rigettata la doglianza concernente la inidoneità e non equivocità
della condotta posta in essere dal ricorrente a configurare un tentativo di furto; 2) vizio

– rilevato che il primo motivo di ricorso risulta privo di ogni specificità, in violazione del
combinato disposto ex artt. 581-591 C.P.P., e inoltre integra, con riferimento al giudizio di
responsabilità, censura in fatto contenente una ricostruzione degli accadimenti alternativa a
quella esposta dai giudici di merito, a fronte della congrua motivazione a fondamento della
decisione, mediante a compiuta disamina delle risultanze processuali in una doppia decisione
conforme;
– che il secondo motivo di ricorso è inammissibile perché manifestamente infondato, in ragione
della congrua motivazione che pone in evidenza la rilevanza, ai fini della determinazione del
trattamento sanzionatorio, dei precedenti penali a carico dell’imputato;
– rilevato che il ricorso, pertanto, va dichiarato inammissibile e che alla declaratoria di
inammissibilità del ricorso consegue, a norma dell’art. 616 c.p.p., la condanna del ricorrente al
pagamento delle spese processuali e della somma, che si ritiene equo liquidare in € 1000,00,
in favore della cassa delle ammende, non ravvisandosi assenza di colpa in ordine alla
determinazione della causa di inammissibilità;

Per questi motivi

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di euro 1000,00 alla cassa delle ammende.
Così deciso nella camera di consiglio del 29/4/2015

Il Consigliere estensore

Il Pres dente

motivazionale in punto di rigetto della richiesta di diminuzione della pena base;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA