Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 39625 del 10/09/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 39625 Anno 2015
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: VILLONI ORLANDO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. GIACOMO PAOLONI
Dott. CARLO CITTERIO
Dott. ORLANDO VILLONI
Dott. ANGELO CAPOZZI
Dott. EMANUELE DI SALVO

ORDINANZA

– Presidente – Consigliere – Rel. Consigliere – Consigliere – Consigliere –

ha pronunciato la seguente
ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
SANTAPAOLA ANGELA N. IL 07/06/1966
avverso la sentenza n. 1010/2011 CORTE APPELLO di MESSINA, del
22/09/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ORLANDO VILLONI;

REGISTRO GENERALE
N. 11307/2015

Data Udienza: 10/09/2015

Motivi della decisione
L’imputata Santapaola Angela ricorre contro l’indicata sentenza della Corte d’Appello di Messina
che, in parziale riforma di quella emessa dal locale Tribunale in data 22/03/2010, ne ha ribadito la responsabilità in ordine al reato di evasione dagli arresti domiciliari (art. 385 cod. pen.),
rideterminando, però, la pena nella misura finale di cinque mesi di reclusione, previo riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche.

Il ricorso è inammissibile perché manifestamente infondato, avendo la Corte territoriale congruamente argomentato che l’imputata si era allontanata per due volte dalla propria abitazione
in assenza di preventiva autorizzazione dell’autorità giudiziaria.
Alla dichiarazione d’inammissibilità dell’impugnazione segue, come per legge, la condanna
della ricorrente al pagamento delle spese processuali ed al versamento di una somma in favore
della cassa delle ammende, che stimasi equo quantificare in C 1.000,00 (mille).

P. Q. M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali
e della somma di C 1.000,00 (mille) in favore della cassa delle ammende.
Roma, 10 sette re 2015

La ricorrente deduce violazione di legge e carenza di motivazione, dolendosi della mancata valutazione da parte della Corte territoriale di decisive risultanze probatorie acquisite al processo.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA