Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 39277 del 19/05/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 39277 Anno 2015
Presidente: DI TOMASSI MARIASTEFANIA
Relatore: SANDRINI ENRICO GIUSEPPE

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
GUADAGNI ARCO CIRO N. IL 28/01/1983
avverso la sentenza n. 3655/2014 CORTE APPELLO di NAPOLI, del
03/07/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ENRICO GIUSEPPE
SANDRINI;

Data Udienza: 19/05/2015

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

L’imputato, a mezzo dei difensori, ricorre per cassazione avverso la sentenza
indicata in rubrica con cui la Corte d’appello di Napoli ha confermato la condanna
alla pena di anni 3 di reclusione (oltre statuizioni accessorie) per la detenzione e
il porto illegale in luogo pubblico di 4 pistole semiautomatiche con sistema di
puntamento laser, prive del numero di matricola e costituenti perciò armi
clandestine, oltre che per la detenzione del relativo munizionamento, deducendo

Il ricorso è inammissibile perché del tutto generico, limitandosi a censurare la
motivazione, esistente e adeguata, della sentenza d’appello in punto pena, con
argomentazioni che non si confrontano con quelle della decisione impugnata ma
si esauriscono nella enunciazione di contestazioni stereotipe e di mero stile, che
non soddisfano il requisito della specificità dei motivi nei termini richiesti dall’art.
581 comma 1 lett. c) cod.proc.pen..

All’inammissibilità del ricorso consegue la condanna del ricorrente al pagamento
delle spese processuali e al versamento alla cassa delle ammende della sanzione
pecuniaria che si ritiene equo determinare nella somma di 1.000 euro.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di € 1.000,00 alla Cassa delle
Ammende.
Così deciso il 19/05/2015

vizio di motivazione sul punto relativo alla determinazione della pena.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA