Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 392 del 17/09/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 392 Anno 2014
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: DI SALVO EMANUELE

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
SOMMARUGA VINCENZO N. IL 12/05/1941
avverso la sentenza n. 3922/2008 CORTE APPELLO di MILANO, del
05/11/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. EMANUELE DI
SALVO;

Data Udienza: 17/09/2013

OSSERVA
Sommaruga Vincenzo ricorre per cassazione avverso la sentenza emessa dalla
Corte d’appello di Milano , in data 5-11-12 , che ha confermato la pronuncia di
primo grado, con la quale l’imputato è stato condannato per il reato di cui all’ad
368 cp .
Il ricorrente deduce sussistenza della scriminante dell’esercizio del diritto di difesa
scelta che negare di avere opposto resistenza all’intervento dei Carabinieri,
sostenendo di essere caduto a terra in conseguenza dell’azione di bloccaggio da
parte degli operanti . Non vi era dunque alcun intento di formulare incolpazioni di
rilievo penale a carico del Maresciallo.
La censura è manifestamente infondata. La Corte d’appello ha infatti correttamente
richiamato il consolidato principio di diritto secondo il quale, allorchè , come nel
caso in disamina , l’imputato non si limiti a ribadire l’insussistenza delle accuse a
suo carico ma rivolga all’accusatore, di cui conosce l’innocenza, accuse specifiche
in grado di determinare la possibilità dell’inizio di un procedimento penale, vengono
travalicati i confini del diritto di difesa e la condotta integra gli estremi del reato di
calunnia.
Dalle cadenze motivazionali della sentenza d’appello è dato quindi desumere una
ricostruzione dei fatti precisa e circostanziata e un corretto inquadramento giuridico
degli stessi, avendo i giudici di secondo grado preso in esame le deduzioni difensive
ed essendo pervenuti alla conferma della sentenza di prime cure attraverso una
disamina completa ed approfondita, in fatto e in diritto, delle risultanze processuali
,dalle quali hanno tratto conseguenze corrette sul piano giuridico .
Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile, a norma dell’art 606 co 3 cpp , con
conseguente condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e della
somma di euro mille, determinata secondo equità, in favore della Cassa delle
ammende.
PQM
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro mille in favore della Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma , all ‘udienza del 17-9-13 .

poiché l’imputato, per contestare la propria responsabilità penale, non aveva altra

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA