Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 39142 del 06/05/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 39142 Anno 2015
Presidente: CORTESE ARTURO
Relatore: MAGI RAFFAELLO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
ESPOSITO CARMINE N. IL 07/12/1976
avverso l’ordinanza n. 6150/2012 GIUD. SORVEGLIANZA di ROMA,
del 09/09/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. RAFFAELLO MAGI;
lette/sentite le conclusioni del PG Dott.
cf2A,

..€47‘0

Uditi difensor Avv.;

44(

)-ti .C.011/).0 ‘

GLQ_

Data Udienza: 06/05/2015

IN FATTO E IN DIRITTO
1. Con provvedimento emesso in data 9 settembre 2014 il Magistrato di
Sorveglianza di Roma rigettava, ai sensi dell’art. 667 co.4 cod.proc.pen.,
l’istanza di remissione del debito proposta da Esposito Carmine, per assenza del
requisito della regolare condotta.

2. Avverso tale provvedimento ha proposto ricorso per cassazione – a mezzo del

3. Il ricorso per cassazione va convertito in opposizione ai sensi degli artt. 678 e
667 co.4 cod.proc.pen. .
Trattandosi di decisione relativa alla remissione del debito la norma di cui all’art.
678 co.1 bis cod.proc.pen. , introdotta dal d.l. n. 146 del 2013 conv. con mod.
dalla legge n.10 del 21.2.2014, prevede l’adozione della procedura semplificata
dettata, per la fase esecutiva, dall’art. 667 co.4 cod.proc.pen. .
Vi è dunque una prima decisione emessa de plano cui segue – ai sensi dell’art.
667 co.4 – non già l’impugnabilità del provvedimento con ricorso per cassazione
ma la proposizione di una opposizione con rinnovata valutazione da parte del
medesimo giudice, secondo il modello partecipato di cui all’art. 666
cod.proc.pen. .
Solo tale ultima decisione risulta impugnabile con ricorso per cassazione ai sensi
dell’art. 666 co. 6 cod.proc.pen. .
Il proposto ricorso, dunque, non è valutabile in questa sede di legittimità e
secondo la regola generale espressa dall’art. 568 co.5 cod.proc.pen., va
qualificato opposizione con trasmissione degli atti al giudice competente.

P.Q.M.

Qualificato il ricorso come opposizione dispone trasmettersi gli atti al Magistrato
di Sorveglianza di Roma.

Così deciso il 6 maggio 2015

Il Consigliere estensore

Pres dent

difensore – Esposito Carmine, deducendo violazione del contraddittorio.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA