Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 38759 del 25/05/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 38759 Anno 2015
Presidente: ZAZA CARLO
Relatore: CAPUTO ANGELO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
PRAINO ATTILIO N. IL 17/05/1978
avverso la sentenza n. 1040/2014 TRIBUNALE di CASTROVILLARI,
del 11/06/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ANGELO CAPUTO;

U-Cliti-df.C.D~

/

Data Udienza: 25/05/2015

Letta la requisitoria in data 11/11/2014 del Sostituto Procuratore generale
della Repubblica presso questa Corte di cassazione dott. L. Riello, che ha
concluso per l’inammissibilità del ricorso.

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

Con sentenza in data 11/06/2014, il Tribunale di Castrovvillari ha applicato
ad Attilio Praino la pena concordata ex art. 444 cod. proc. pen. e ha condannato

Avverso la sentenza indicata ha proposto personalmente ricorso per
cassazione Attilio Praino, denunciando la violazione e l’erronea applicazione degli
artt. 82, 444, 541 cod. proc. pen. e 153 disp. att. cod. proc. pen., avendo il
giudice condannato il ricorrente alla rifusione delle spese in favore della parte
civile nonostante questa non abbia presentato la nota spese e non abbia,
nemmeno oralmente, chiesto la liquidazione delle spese in suo favore.
Il ricorso è manifestamente infondato, in quanto, come rilevato dal
Procuratore generale presso questa Corte, il giudice ha liquidato le spese in
favore della parte civile costituita che risulta aver depositato nota spese (f. 56).
Alla declaratoria d’inammissibilità del ricorso, consegue la condanna del
ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento alla Cassa delle
ammende della somma, che si stima equa, di Euro 1.500,00.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro 1.500,00 in favore della Cassa delle
Ammende.
Così deciso il 25/05/2015.

l’imputato alla rifusione delle spese in favore della parte civile.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA