Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 38081 del 24/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 1 Num. 38081 Anno 2018
Presidente: SARNO GIULIO
Relatore: CASA FILIPPO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
SALVATI PATRIZIO nato a NAPOLI il 19/09/1971

avverso la sentenza del 18/05/2017 della CORTE APPELLO di NAPOLI
udita la relazione svolta dal Consigliere FILIPPO CASA;
Llette/sentite le conclusioni del PG MARIELLA DE MASELLI

jL

Data Udienza: 24/07/2018

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

1. SALVATI Patrizio, per il tramite del difensore di fiducia, ricorre avverso la sentenza
emessa in data 18.5.2017, con la quale la Corte di Appello di Napoli ha confermato la decisione
di condanna alla pena di un anno e otto mesi di reclusione resa dal Tribunale della sede in data
13.12.2013 in relazione al reato di cui all’art. 9, comma 2, L. n. 1423/56.
2.

Va rilevato che, a fronte di un estratto contumaciale di sentenza notificato

nove mesi e, quindi, abbondantemente al di là dei termini di legge previsti dall’art. 585, comma
1, lett. b), cod. proc. pen..
3. Il ricorso deve, pertanto, essere dichiarato inammissibile, de plano, a norma dell’art.
610, comma 5-bis, cod. proc. pen., introdotto dalla legge n. 103 del 2017 (in vigore dal 3
agosto 2017), con riferimento agli artt. 591, comma 1, lett. c) e 585 cod. proc. pen..
4.

Segue all’inammissibilità la condanna del ricorrente al pagamento delle spese

processuali e al versamento della somma di euro 2.000,00 in favore della Cassa delle
ammende, non potendosi escludere, a distanza ormai di circa un anno dall’entrata in vigore
della legge n. 103/17, profili di colpa che giustifichino la condanna al pagamento di tale
ulteriore sanzione (Corte cost. n. 186 del 2000).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di euro 3.000,00 in favore della Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, il 24 luglio 2018

Il Consigliere estensore

Il Presidente

all’interessato in data 6.6.2017, il ricorso risulta presentato in data 7.3.2018, a distanza di circa

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA