Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 37963 del 20/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 37963 Anno 2018
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: MICHELI PAOLO

sui ricorsi proposti da:
GENNARI ANGIE nato il 02/02/1985 a MODENA
MINGUZZI SERA, nato il 06/11/1989 a 130LOGNA

avverso la sentenza del 18/10/2016 della CORTE APPELLO di BOLOGNA
dato avviso ale parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere PAOLO MICHELI;

Data Udienza: 20/02/2018

FATTO E DIRITTO

Il difensore di Angie Gennari e Sella Minguzzi, con atto unico curato nell’interesse delle
due assistite, ricorre avverso la pronuncia indicata in epigrafe, emessa nei confronti delle
suddette dalla Corte di appello di Bologna; la declaratoria di penale responsabilità delle
imputate riguarda un addebito di concorso in furto aggravato. La difesa lamenta violazione

detentiva loro irrogata, sull’erroneo presupposto dell’esistenza di precedenti ostativi.
Il ricorso deve ritenersi inammissibile, per manifesta infondatezza delle ragioni di
doglianza.
A fronte di un reato – quello qui contestato – commesso 1’11/11/2009, la Minguzzi
presentava infatti due condanne per ulteriori furti (episodi del febbraio e luglio 2008),
mentre la Gennari era gravata da quattro pregiudizi analoghi (furti consumati nel 2003,
2007 e aprile 2009, nonché uno tentato nel febbraio 2008).
Ai sensi dell’art. 616 cod. proc. pen., segue la condanna di entrambe le ricorrenti al
pagamento delle spese processuali, nonché – ravvisandosi profili di colpa nella
determinazione della causa di inammissibilità, in quanto riconducibile alla loro volontà (v.
Corte Cost., sent. n. 186 del 13/06/2000) – a versare in favore della Cassa delle
Ammende la somma di C 2.000,00 ciascuna, così equitativamente stabilita in ragione dei
motivi dedotti.

P. Q. M.

Dichiara inammissibili i ricorsi, e condanna ciascuna ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di C 2.000,00 in favore della Cassa delle Ammende.
Così deciso il 20/02/2018.

della legge penale, per non essere stata concessa alle ricorrenti la conversione della pena

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA