Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 37467 del 22/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 37467 Anno 2018
Presidente: NOVIK ADET TONI
Relatore: VANNUCCI MARCO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
ROSETTANI MATTE() nato il 23/01/1980 a SAN BENEDETTO DEL TRONTO

avverso la sentenza del 10/01/2017 del TRIBUNALE di FERMO
dato avviso a le parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere MARCO VANNUCCI;

Data Udienza: 22/02/2018

RILEVATO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO
che con sentenza emessa il 10 gennaio 2017 il Tribunale di Fermo ha applicato
a Matteo Rosettani la pena, da lui pattuita con il pubblico ministero (art. 444 cod.
proc. pen.), di quindici giorni di reclusione per la commissione in Cattolica, il 31
ottobre 2014, del delitto all’art. 75, comma 1, del d.lgs. n. 159 del 2011, «da
aggiungersi in continuazione con la pena applicata con la sentenza emessa dal
Tribunale ordinario di Fermo in data 23.12.2014, passata in giudicato il 9-05-2016»;

pattuito, in misura pari a sei mesi e quindici giorni di reclusione;
per la cassazione di tale sentenza Rosettani ha proposto ricorso (atto
sottoscritto dal proprio difensore), deducendo assoluta carenza di motivazione,
essendosi limitato il giudice a verificare la correttezza della qualificazione giuridica
effettuata dalle parti in sede di patteggiamento, senza fornire ulteriori elementi di
valutazione in ordine ai riscontri eseguiti per escludere la sussistenza delle cause di
non punibilità previste dall’art. 129 cod. proc. pen.;
che secondo il meccanismo processuale dell’applicazione della pena su richiesta
delle parti l’imputato e il pubblico ministero si accordano sulla qualificazione
giuridica della condotta contestata, sulla concorrenza di circostanze, sulla
comparazione fra le stesse e sull’entità della pena;
che, a fronte del patto fra le parti sul punto, il giudice ha il dovere di
controllare l’esattezza dei menzionati aspetti giuridici e la congruità della pena
richiesta e di applicarla dopo avere accertato che non emerga in modo evidente la
sussistenza di una delle cause di non punibilità previste dall’art. 129 cod. proc. pen.;
che, pertanto, una volta ottenuta l’applicazione di una determinata pena, ai
sensi dell’art. 444 cod. proc. pen., l’imputato non può rimettere in discussione profili
oggettivi o soggettivi della fattispecie, perché gli stessi risultano coperti
dall’accordo;
che nel caso di specie, la sentenza impugnata ha espressamente affermato
che, allo stato degli atti, non sussistevano i presupposti per un proscioglimento nel
merito ovvero cause di estinzione del delitto contestato;
che, a fronte di tale accertamento, la deduzione del ricorrente è priva di
specificità, essendosi egli limitato a segnalare il dedotto vizio, senza indicare quali
fossero gli elementi acquisiti al processo da cui dedurre la sussistenza nel caso
concreto di una delle causa di non punibilità previste dall’art. 129 cod. proc. pen.;
che la motivazione, avuto riguardo alla speciale natura dell’accertamento in
sede di applicazione della pena su richiesta delle parti ex art. 444 cod. proc. pen.,
risulta pienamente adeguata ai parametri richiesti per tale genere di decisioni,
secondo la costante giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. S.U., n. 3 del 25
novembre 1998, Messina, Rv. 212438);

con conseguente determinazione della pena complessiva, risultante dall’aumento

che il ricorso deve dunque essere dichiarato inammissibile, con la conseguente
condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e, non ricorrendo
ipotesi di esonero, al versamento di una somma alla Cassa delle ammende, che
stimasi equo determinare nella misura di euro 2.000 (art. 616 cod. proc. pen.).

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese

ammende.

Così deciso in Roma, il 22 febbraio 2018.

processuali e al versamento della somma di duemila euro alla Cassa delle

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA