Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 37389 del 12/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 37389 Anno 2018
Presidente: NOVIK ADET TONI
Relatore: TARDIO ANGELA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
LA PICCIRELLA ANTONIO N. IL 24/07/1981
avverso la sentenza n. 824/2014 CORTE APPELLO di FIRENZE, del
28/09/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ANGELA TARD10;

Data Udienza: 12/05/2017

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza del 28 settembre 2015 la Corte di appello di Firenze ha
confermato la sentenza del 17 luglio 2013 del Tribunale di Lucca, che aveva
condannato La Piccirella Antonio alla pena di mesi quattro di arresto per il reato
di cui all’art. 76, comma 3, d.lgs. n. 159 del 2011 per avere contravvenuto al
divieto di far ritorno nel comune di Borgo a Mozzano per anni due, impostogli

2. Avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione, per mezzo del
suo difensore avv. Luigi Tartaglino, l’imputato, che ne ha chiesto l’annullamento
sulla base di unico motivo, con il quale ha denunciato, ai sensi dell’art. 606,
comma 1, lett. c), cod. proc. pen., la incorsa inosservanza di norma processuale
stabilita a pena di nullità per omessa notifica a esso ricorrente e al suo difensore
del decreto di citazione per il giudizio di appello.
3. In esito al preliminare esame presidenziale il ricorso è stato rimesso a
questa sezione per la decisione in camera di consiglio ai sensi degli artt. 591,
comma 1, e 606, comma 3, cod. proc. pen.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso è manifestamente infondato.
2. Deve rilevarsi che, quando è dedotto, mediante ricorso per cassazione, un

error in procedendo ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. c), cod. proc. pen.,
questa Corte è “giudice anche del fatto” e, per risolvere la relativa questione,
può accedere all’esame diretto dei relativi atti processuali (Sez. U, n. 42792 del
31/10/2001, Policastro, Rv. 220092).
2.1. Nel caso di specie risulta dagli atti che:
– l’imputato ha eletto domicilio presso il suo avvocato di fiducia Luigi
Tartaglino il 19 ottobre 2012, come da verbale di identificazione e di elezione di
domicilio, in pari data, redatto da agenti di P.G. in servizio presso la Stazione dei
carabinieri di Borgo a Mozzano;
– con decreto del 25 maggio 2015 del Presidente della Corte di appello di
Bologna, terza sezione penale, è stata fissata l’udienza del 28 settembre 2015
per la trattazione del processo di appello, disponendosi la citazione
dell’appellante nell’indicato domicilio eletto e l’avviso al suo suddetto difensore di
fiducia, eseguiti in data 19 giugno 2015.
2.2. Alla stregua di tali emergenze, è pertanto da ritenere rituale la notifica
al difensore, anche quale domiciliatario, il cui numero di fax, risultante

con foglio di via obbligatorio emesso il 25 agosto 2011 dal Questore di Lucca.

dall’appello e dal ricorso, risponde peraltro a quello a mezzo del quale ha
ricevuto la indicata notifica.
3. Alla palese infondatezza del censurato vizio procedurale conseguono
l’inammissibilità del ricorso, che si esaurisce in detta preliminare doglianza, e, ai
sensi dell’art. 616 cod. proc. pen., la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese del procedimento e -per i profili di colpa correlati alla irritualità della
impugnazione- di una somma in favore della cassa delle ammende nella misura

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di duemila euro alla cassa delle
ammende.
Così deciso il 12/05/2017

Il Consigliere estensore
Angela Tardio

Il Presidente
AcjeÌ Toni
A- (9-

che si stima equo determinare in euro duemila.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA