Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 37341 del 07/06/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 37341 Anno 2018
Presidente: IASILLO ADRIANO
Relatore: ROCCHI GIACOMO

SENTENZA
sul conflitto di competenza sollevato da:
TRIBUNALE LIBERTA MILANO nei confronti di:
CORTE APPELLO MILANO
AVV. AIELLO LORENZO

con l’ordinanza del 01/02/2018 del TRIB. LIBERTA’ di MILANO
udita la relazione svolta dal Consigliere GIACOMO ROCCHI;
sentite le conclusioni del PG LUCA TAMPIERI che ha chiesto dichiararsi la competenza
della Corte d’appello di Milano.

Data Udienza: 07/06/2018

RITENUTO IN FATTO

1. Il Tribunale del riesame di Milano solleva conflitto negativo di competenza
avverso l’ordinanza della Corte d’appello di Milano che aveva declinato la propria
competenza a provvedere sull’istanza di liquidazione degli onorari sostenuti
dall’avv. Aiello, difensore d’ufficio di Aceveda Jerry, nel giudizio di cassazione
promosso a seguito di ordinanza dello stesso Tribunale del riesame.
Secondo la Corte territoriale, competente a provvedere sull’istanza di

provvedimento impugnato; secondo il Tribunale, al contrario, la competenza per
la liquidazione dei compensi professionali al difensore per i procedimenti
incidentali de libertate spetta al giudice della fase o del grado del processo
principale in cui è stata svolta l’attività difensiva, trattandosi di un procedimento
incidentale.

CONSIDERATO IN DIRITTO

Deve dichiararsi la competenza della Corte d’appello di Milano.

Questa Corte ha ripetutamente affermato che la competenza per la
liquidazione dei compensi professionali al difensore per i procedimenti incidentali
de libertate spetta al giudice della fase o del grado del processo principale in cui
è stata svolta l’attività difensiva da remunerare (Sez. 1, n. 37361 del
06/06/2014 – dep. 09/09/2014, Confl. comp. in proc. D’Ambra e altro, Rv.
261128; Sez. 1, n. 44362 del 18/11/2008 – dep. 27/11/2008, Confl. comp. in
proc. c/ ignoti, Rv. 242203; Sez. 1, n. 23233 del 22/05/2002 – dep. 17/06/2002,
Confl. comp. in proc. Piccolo, Rv. 221644).

D’altro canto, competente a procedere alla liquidazione non è la Corte di
Cassazione, davanti alla quale venne svolta l’attività professionale, poiché essa
può accedere agli atti esclusivamente ai fini della rilevazione di eventuali vizi
processuali verificatisi nel corso del giudizio e, pertanto, non ha la piena
disponibilità materiale e giuridica degli stessi che devono essere restituiti, con
pienezza di accesso, al giudice del merito una volta definito il giudizio di
legittimità (Sez. 3, n. 41525 del 15/12/2016 – dep. 12/09/2017, Amato, Rv.
271339).

2

liquidazione era il Tribunale del riesame, in quanto giudice che aveva emesso il

P.Q.M.

Dichiara la competenza della Corte d’appello di Milano cui dispone
trasmettersi gli atti.

Così deciso il 7 giugno 2018

Il Presidente

Il Consigliere estensore

jJ
CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Prima Sezione Penale

Depositata in Cancelleria oggi
Roma, lì

AGO. 2018

Adriano Iasillo

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA