Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 37093 del 04/05/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 3 Num. 37093 Anno 2018
Presidente: CAVALLO ALDO
Relatore: SEMERARO LUCA

SENTENZA

sul ricorso proposto da
PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI SASSARI
nel procedimento a carico di:
ODABY LUCKY nato il 03/05/1966

avverso la sentenza del 28/09/2017 del giudice per le indagini preliminari del
TRIBUNALE di TEMPIO PAUSANIA

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere LUCA SEMERARO;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale FULVIO
BALDI che conclude per l’annullamento con rinvio;

udito il difensore, avv. M. Z., che si riporta alla memoria depositata.

Data Udienza: 04/05/2018

RITENUTO IN FATTO

1. Il Procuratore Generale presso la Corte di appello di Sassari ha proposto
ricorso avverso la sentenza del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di
Tempio Pausania del 29 settembre 2017 con la quale Odaby Lucky è stato
condannato alla pena di 3 anni di reclusione ed € 12.000 di multa per il reato ex
art. 73 comma 1 D.P.R. n. 309/90.
Con un unico motivo, il procuratore generale ha dedotto il vizio di violazione
di legge, in relazione alla pena prevista nell’art. 73 comma 1 D.P.R. n. 309/90.

detentiva base in anni 6 e mesi 6 di reclusione, inferiore al minimo edittale
determinato a seguito della sentenza n. 32/2014 della Corte Costituzionale che ha
dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 4 bis del D.L. 272/2005, pari ad anni 8 di
reclusione.

2. La difesa ha depositato una memoria con la quale si chiede il rigetto del
ricorso ritenendo la pena determinata nella discrezionalità del giudice; la difesa ha
poi ricostruito il susseguirsi delle sentenze della Corte Costituzionale anche in
relazione alla pena dell’art. 73 comma 1 d.p.r. 309/1990.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso del procuratore generale è fondato e la sentenza del giudice per
le indagini preliminari del Tribunale di Tempio Pausania deve essere annullata con
rinvio limitatamente al trattamento sanzionatorio per la nuova determinazione
della pena.
Ed invero, tenuto conto che la condotta è stata posta in essere il 8 settembre
2016, quindi dopo la sentenza della Corte Costituzionale n.32 del 2014, la pena
minima detentiva per il delitto ex art. 73 comma 1 d.p.r. 309/1990 è quella di 8
anni di reclusione, già prevista dalla norma prima delle modifiche del 2005
dichiarate incostituzionali.
Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Tempio Pausania è dunque
incorso in violazione di legge perché ha determinato la pena base in misura
inferiore a quella prevista dall’art. 73 corna 1 d.p.r. 309/1990.
Tenuto conto che l’annullamento concerne solo la determinazione della pena,
si dichiara irrevocabile l’accertamento della responsabilità penale del ricorrente.

Per il ricorrente, il giudice per le indagini preliminari ha individuato la pena

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata limitatamente al trattamento sanzionatorio e
rinvia per nuovo giudizio sul punto alla Corte di appello di Cagliari, sezione
distaccata di Sassari.
Dichiara irrevocabile l’accertamento della responsabilità penale.
Così deciso il 4/5/2018.

Luc

Il Presidente

re estensore

2110
LA-tte

meraro

Ald42

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Terza Sezione Pen

DEPOSITATO IN CANOE RIA

Il Co

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA