Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 37043 del 15/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 37043 Anno 2018
Presidente: MAZZEI ANTONELLA PATRIZIA
Relatore: BONI MONICA

sul ricorso proposto da:
MARINO GIOVAN BATTISTA nato il 08/04/1973 a PALERMO

-15 112.1
avverso l’ordinanza del

08/U1/11)18i del TRIB. SORVEGLIANZA di

CALTANISSETTA
sentita la relazione svolta dal Consigliere MONICA BONI;
lette/sentite le corj sioni del PG

Data Udienza: 15/03/2018

Ritenuto in fatto e considerato in diritto

1.Con ordinanza in data 15 dicembre 2017 il Tribunale di sorveglianza di
Caltanissetta accoglieva solo parzialmente il reclamo proposto dal detenuto Giovan
Battista Marino avverso l’ordinanza del Magistrato di sorveglianza di Caltanissetta
del 22 dicembre 2016 e, per l’effetto, gli accordava cinquantadue giorni di riduzione
della pena detentiva ai sensi dell’art. 35-ter ord. pen., mentre rigettava nel resto il

2. Avverso detta ordinanza ha proposto ricorso personalmente l’interessato,
chiedendone l’annullamento per l’erroneità della decisione di rigetto del proprio
reclamo.
3. Sia il provvedimento impugnato, sia il ricorso sono stati rispettivamente
emessi e proposti in data successiva al

agosto 2017, ossia al momento

dell’entrata in vigore della legge n. 103 del 2017, con cui, modificando il disposto
degli artt. 571, comma 1, e 613, comma 1, cod. proc. pen, si è esclusa la facoltà
dell’imputato di proporre personalmente ricorso per cassazione, prevedendosi che
tale mezzo d’impugnazione sia sottoscritto, a pena d’inammissibilità, da difensori
iscritti nell’albo speciale dei patrocinatori davanti alla Corte di cassazione (Sez. U,
n. 8914 del 21/12/2017, Aiello, informazione provv. n. 30 del 2017).
La modifica delle norme processuali che abilitavano l’imputato alla proposizione
personale del ricorso per cassazione è stata già interpretata come avente valenza
generale nel suo significato chiaro ed inequivoco, perché esclude senza eccezioni di
sorta la facoltà per la parte che è imputata di proporre il ricorso senza il ministero
di un difensore abilitato (Cass., n. 53330 del 4/10/2017, Villa, non massimata). E
poiché nella sua formulazione non contiene previsioni differenti, dedicate ai
procedimenti penali diversi da quello ordinario di cognizione, deve riconoscersi la
sua applicabilità al ricorso per cassazione anche se proposto dall’interessato
detenuto in espiazione di pena ed in merito ai benefici penitenziari. Al riguardo,
nonostante l’urgenza di approntare in tempi ristretti l’atto d’impugnazione per
proporlo tempestivamente nel rispetto del termine perentorio, la cui inosservanza è
sanzionata a pena d’inammissibilità, e l’intuibile difficoltà di provvedervi per chi sia
ristretto in carcere e debba subire limitazioni alla libertà di movimento e
comunicazione con l’esterno, non si ravvisano argomenti, né testuali, né
sistematici, per poter riconoscere una regolamentazione diversa da quella prevista
in via generalizzata dal nuovo testo dell’art. 613 cod. proc. pen..
Per tali considerazione il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, de plano,
a norma dell’art. 610, comma 5-bis, cod. proc. pen., introdotto dalla medesima
legge n. 103 del 2017 con la conseguente condanna del ricorrente al pagamento
delle spese processuali e, non ricorrendo ipotesi di esonero, al versamento di una

reclamo quanto al periodo detentivo compreso tra il 28/1/2010 ed il 13/3/2016.

2
somma alla Cassa delle ammende, determinabile in euro duemila, ai sensi dell’art.
616 cod. proc. pen..

P. Q. M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro duemila in favore della Cassa delle

Cosi deciso in Roma, il 15 marzo 2018.

ammende.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA